Pedullà: “Il Napoli non è caduto in tentazione sul mercato”

Stamane a Radio CRC, nel corso di Si Gonfia La Rete di Raffaele Auriemma, è intervenuto Alfredo Pedullà, giornalista.

“Dare giudizi su questo campionato dopo due giornate ha poco senso. Spesso le cose cambiano nel giro di poche settimane. Sarebbe scorretto mutare opinione partita dopo partita, bisogna essere coerenti. 

Spalletti? E’ sotto esame come qualsiasi allenatore. Ha rinnovato il contratto con l’Inter, e la società nerazzurra è entusiasta di questo rapporto lavorativo. E’ chiaro che le attese erano tante, ma non è facile unire tatticamente un gruppo rivoluzionato quasi per intero. Molti acquisti non sono ancora al 100%, ma Spalletti riuscirà abbondantemente a portare i nerazzurri tra le prime tre posizioni.

Strootman è un calciatore importante, immaginiamo cosa fosse successo a Napoli se la società avesse ceduto un titolare assoluto il 27/28 agosto. Il simbolo della Roma in questo momento è il pugno di Di Francesco contro l’Atalanta. Un allenatore deve essere messo nelle condizioni di fare bene, sempre. Per me questi sono tutti punti a favore del Napoli, perché non è caduto in tentazione sul mercato, consegnando la squadra migliore ad Ancelotti e consolidando i punti forti della scorsa stagione. 

De Laurentiis ha fatto grandi cose e dovrebbe essere più sereno, senza cercare sempre qualche bersaglio da colpire. Cercare sempre la polemica a me non sta bene, il resto può fare quello che vuole. Il bilancio complessivo del suo Napoli, tra risultati e traguardi raggiunti, è generalmente molto positivo. 

Se ci sarà ancora qualche cessione dalla Serie A? Soltanto dal Torino, con la questione Niang. Il calciatore vorrebbe tornare in Francia, ma i granata chiedono 15 milioni. Non credo avremo squadre disposte a sborsare tanto. Marchisio, invece, ha avuto delle proposte anche in Europa, ma la situazione è ancora da definire”. 

Fonte: gonfialarete.com

Commenti