Melito, nuovo stadio e centro sportivo del Napoli: a settembre vertice con De Laurentiis

Il 13 settembre nella sede della Filmauro a Roma il patron del Napoli incontrerà Antonio Amente, sindaco del Comune alle porte di Napoli. Sul tavolo finirà un doppio progetto: quello del nuovo centro sportivo del Calcio Napoli, una sorta di accademia azzurra, e quello del nuovo impianto dove disputare le gare interne. La conferma dell’appuntamento è arrivata sabato scorso durante la partita al San Paolo tra Napoli e Milan. Il risultato era ancora sul 2-0 a favore dei milanesi quando Amente, tifosissimo azzurro, ha scritto a De Laurentiis: “Presidente tranquillo che rimontiamo e vinciamo 3-2”. Parole profetiche, seguite da altri messaggini tra i due, con il patron del Napoli che ha fissato l’appuntamento con il sindaco di Melito per il primo giovedì della seconda settimana di settembre. Calendario alla mano capiterà il 13 settembre. Amente si presenterà a Roma con mappe, foto e descrizioni delle due aree interessate. Il progetto per il centro sportivo, che si aggiungerà o sostituirà quello attuale a Castel Volturno, ha già incassato alcuni via libera, tanto che l’iter amministrativo è avviato.  L’area destinata a ospitare l’accademia del calcio azzurro, che potrebbe dare casa anche alla primavera e alle squadre giovanili, voluta da De Laurentiis, sorge tra i comuni di Melito e Mugnano. A disposizione ci sono 209.400 metri quadrati di cui 88.600 nel territorio di Mugnano e 120.800 in quello di Melito. All’incontro di giovedì 13 settembre, però, il sindaco Amente, spronato dalla nuove tensioni sulla gestione del San Paolo, porterà anche un altro grafico: quello dell’area dove potrebbe sorgere il nuovo stadio di proprietà del club azzurro. È stata individuata tra Melito e Casandrino. A disposizione ci sarebbero di 883.540 metri quadrati così divisi: 265.814 nel Comune di Melito e 617.726 in quello di Casandrino.

Repubblica.it

Commenti