Ancelotti è convinto: “La Champions ha detto che siamo forti”

Con ancora la delusione in corpo per l’eliminazione dalla Champions League il Napoli si concentra sul campionato dove c’è una seconda posizione da difendere e dove, si spera, la Juve inizi a perdere qualche punto per strada. Carlo Ancelotti, alla viglia della sfida di Cagliari, rassicura sul morale dell’ambiente: “La reazione è stata molto positiva dopo la sconfitta di Anfield, fisicamente i ragazzi hanno recuperato in fretta, a livello emozionale c’è la consapevolezza che nonostante il ko niente è cambiato per le nostre ambizioni e i progetti futuri”.

FUTURO È ROSEO – “Anche a livello societario – prosegue il tecnico – c’è stata una gestione ottima, raramente capita che i club mantengano questo equilibrio, quindi abbiamo accantonato la delusione e guardiamo con ottimismo al futuro. Io sarò giudicato dai risultati, come tutti e il Napoli finora ha fatto ottimi risultati. C’è la mancata qualificazione agli ottavi di Champions, ma le difficoltà erano tante come sapevamo e siamo stati competitivi con i club più importanti”.

PIÙ FORTI DOPO CHAMPIONS – “Non c’è più la Champions – ammette Ancelotti -, ma siamo in Europa, giocheremo una coppa meno importante, ma che è stata vinta da Manchester United e Atletico Madrid negli ultimi due anni. Saremo protagonisti, vogliamo esserlo in tutte le competizioni. Questo girone di ferro mi ha dato la consapevolezza che lo saremo. Mi piacerebbe andare in finale, se poi l’altra finalista fosse la squadra Sarri il significato di questa partita aumenterebbe, credo che ne sarebbe felice anche Maurizio e sarebbe bellissimo anche per me che ho allenato il Chelsea”.

NON GUARDIAMO DISTACCO DA JUVE – Ora, però, il Napoli deve guardare al campionato, consapevole che non si può sbagliare se si vuole accorciare sulla lanciatissima Juve: “Credo che tutte le giornate siano un’opportunità per cercare di accorciare, ma è vero che lo stesso può dirsi per la voglia di allungare della Juventus. Noi lavoriamo per ridurre il distacco e farci trovare pronti nel caso in cui la Juve perdesse qualche punto. Non guardiamo al distacco adesso, è ancora presto, però stiamo trovando continuità in campionato e dobbiamo insistere”.

MARIO RUI RESTA A CASA – Per Cagliari, prosegue il tecnico, “l’unico indisponibile è Mario Rui. Ha riportato una contrattura, ma non s’è allenato oggi e quindi resterà a casa. Gli altri sono in buone condizioni, pure Meret che può giocare e sarà una scelta tecnica. Milik sta bene, sono orientato a dargli un’opportunità, perché la sua condizione psico-fisica è migliorata e domani potrebbe iniziare la partita. Pure Mertens sta bene, è sereno”, ha detto ancora Ancelotti che poi parla della sfida in casa dei sardi. “Quella di Maran è una squadra molto organizzata e che gioca in verticale. Ha un’anima forte e lo ha dimostrato contro la Roma. Sarà una bella partita, perché le due squadre vogliono giocare a calcio”.

Fonte: Repubblica.it

Commenti

Questo articolo è stato letto 292 volte