Giorgio Perinetti: “Kouame al Napoli? C’è stato un discorso tra presidenti, doveva essere proseguito dagli operativi, la trattiva non è conclusa”

In diretta a ‘ Un Calcio Alla Radio’, trasmissione di Umberto Chiariello in onda su Radio CRC, è intervenuto Giorgio Perinetti, direttore sportivo del Genoa: “Mercato di gennaio? Si disquisisce se allungare i termini del del 31 gennaio etc, ma la verità è che a gennaio si fa sempre molto poco. Questo mercato è utile per le squadre di C e B, ma in serie A è difficile che possano esserci grandi cambiamenti, diventa complicato muovere qualche giocatore. Poi stiamo vivendo il tormentone Higuain che forse può coinvolgere anche noi. Noi abbiamo detto che Piatek, Romero e Kouame non li andiamo ad offrire e non è nella nostra intenzione cederli, ma sono giocatori che destano interesse. Kouame al Napoli? C’è stato un discorso tra presidenti, che doveva essere proseguito dagli operativi, ma la trattiva non è conclusa. Il ragazzo è molto seguito anche da altre squadre in Bundesliga, ma noi non vogliamo cederlo. Kouame? I presidenti hanno parlato, il discorso è passato agli operativi e agli amministratori delegati, ci hanno detto “ci risentiremo”, ma non abbiamo sentito ancora nessuno. Everton su Kouame? Un maggiore interessamento viene dalla Bundesliga. Non lo proponiamo, ma ascoltiamo chi è interessato. Con chi sostituire Piatek? Siccome non sappiamo se va via non ci siamo posti il problema. Balotelli può essere un sostituto? Non penso sia un’ipotesi percorribile. Percentuale di una partenza di Piatek? Non lo so. Noi facciamo fatica a liberarci del nostro centravanti, per cui dobbiamo ascoltare le proposte. Non è stato ancora fatto nulla, leggiamo solo di un contatto col Milan che ci ha detto che voleva parlarne dopo la supercoppa. Incontro con Leonardo? No non c’è stato nessun incontro, ma è probabile che ci incontreremo se ci vogliono vedere. Kouame al Lipsia? Ha tanti estimatori in Bundensliga tra cui anche il Lipsia. Kouame al Napoli già a gennaio? No non credo”.

Commenti

Questo articolo è stato letto 479 volte