Il punto sulla serie A, dopo il 32esimo turno

Il trentaduesimo turno di serie A, orfano, tuttavia, della gara Atalanta vs Empoli, che si disputerà questa sera, ha emesso il primo verdetto ufficiale della stagione, ossia la retrocessione del Chievo nella serie inferiore, cosa che era già nell’aria da tempo. Per lo scudetto dobbiamo aspettare la vigilia della Santa Pasqua per assegnarlo definitivamente ai bianconeri ai quali basta un solo punto per cucirsi sulle maglie l’ottavo triangolino tricolore di fila. Gli uomini di Allegri, sabato scorso, con la testa alla Champions hanno permesso alla Spal di incamerare tre punti importantissimi in chiave salvezza, con grandi polemiche da parte del tecnico del Bologna che ha accusato l’allenatore livornese di non aver schierato la migliore formazione. Per il resto si aggrava la posizione di classifica del Frosinone che nel posticipo domenicale le ha prese malamente  dall’Inter, vittoriosa per 3 a 1. Dal canto suo il Napoli riscatta la disfatta di Londra andando ad espugnare il campo del Chievo Verona sempre per 3 a 1, in attesa del match decisivo di giovedì a Fuorigrotta contro l’Arsenal, in vantaggio per 2 a 0 dopo i primi novanta minuti di questi quarti di finale di Europa League. Agli azzurri servirà una vera e propria impresa per guadagnare il passaggio alle semifinali. Successi di misura ma molto importanti  per Roma e Milan. I giallorossi si impongono nel difficile match  contro l’Udinese, restando ad un solo punto di dal quarto posto. Dopo le settimane assai difficili vissute da Ranieri, finalmente il gruppo intravede un po’ di luce. I rossoneri di Gattuso, invece, si aggrappano a Kessié ed hanno la meglio sulla Lazio grazie ad un calcio di rigore, anche se la partita si arricchisce di polemiche. La Lazio ne chiede uno quasi allo scadere, con parapiglia finale e polemiche social per la maglia di Acerbi mostrata in campo dai giocatori milanisti Una corsa al quarto posto che vede impegnate quattro squadre, con Lazio-Udinese, match di recupero, che sistemerà una volta per tutte la classifica. I biancocelesti potrebbero infatti trovarsi a 52 punti, ovvero a tre lunghezze dalla zona Champions. Con Roma, Atalanta e Milan la sfida è più che mai aperta. Sarà dura per il Torino trovare spazio in questo novero di squadre, considerando il pari persa contro il Cagliari. Un 1-1 che pesa ma non condanna. I giochi infatti sono ancora aperti, come spera la Sampdoria, che vince il derby ed intende rilanciarsi per l’Europa League.

Commenti

Questo articolo è stato letto 502 volte