Gli inteventi di Luca Marchetti, Pasquale Marino, Gianmarco Volpe e Fabio Mandarini a Radio Marte

A Radio Marte nel corso di Marte Sport Live è intervenuto Luca Marchetti, giornalista 

“Se il Napoli fosse stato più alto in classifica, il clima sarebbe stato più bollente perché battere la Juve avrebbe avuto anche un senso concreto. Incitare Gattuso quando entrerà Sarri credo sia la mossa più giusta, chi si arrabbierà è perché si sentirebbe tradito e si tratterebbe, quindi, anche in questo caso una manifestazione di affetto. 

Politano è un’opportunità, Inter e Napoli hanno un’intesa di massima sulla cifra e sulla metodologia. Di Llorente si è parlato, ma non è una trattativa collegata. L’incontro di ieri nel tardo pomeriggio e quello che probabilmente ci sarà anche oggi, portano ad una chiusura della trattativa”. 

A Radio Marte nel corso di Marte Sport Live è intervenuto Pasquale Marino

“Politano è l’ideale per il Napoli, è un innesto importante per l’economia del gioco. Quello che fa Insigne a destra, potrebbe farlo Politano dall’altra parte e poi parliamo di un giocatore che ha fatto abbastanza bene negli anni scorsi, ma che adesso è limitato dal gioco dell’Inter. Uno come Politano non può permettersi si restare ai margini anche perché è al top dal punti o di vista fisico. Quando allenavo il Pescara feci prendere Cutolo che è uno dei più forti in uno di quel ruoli, ma Politano è stato bravo a scalare le gerarchie. 

Nel 4-4-2 Politano riesce a fare bene anche i compiti di copertura per cui è un giocatore ideale per il Napoli e se il club ha deciso di puntare su di lui ha le idee chiare. 

Napoli-Juve per Sarri sarà un momento emotivamente importante e qualsiasi accoglienza riserverà a lui il San Paolo, sarà sempre una dimostrazione di affetto, sia in caso di fischi che di applaus”. 

A Radio Marte nel corso di Marte Sport Live è intervenuto Gianmarco Volpe, creatore della pagina “Sarrismo gioia e rivoluzione”

“Sarrismo gioia e rivoluzione non esiste più. E’ stato un bel progetto, un bel Napoli, ma è finita quell’epoca. Sarri è un uomo intelligente e sa benissimo che sarà fischiato. Il dibattito tra i tifosi però è interessante perché c’è chi vuole fischiarlo e chi invece vorrebbe provare a trasmettere indifferenza. Sarri ha dato tanto a Napoli in quei 3 anni meravigliosi e più passa il tempo, più apprezziamo il suo operato, poi sul giudizio dell’uomo non mi cimento”.  

A Radio Marte nel corso di Marte Sport Live è intervenuto Fabio Mandarini, giornalista

“Il Napoli ha altre priorità ed altre problematiche, ma dal punto di vista emozionale, il ritorno di Sarri al San Paolo è atteso e sono curioso di capire che accoglienza gli riserverà il popolo napoletano. La gente è divisa, c’è chi è ancora legata all’idea del Sarrismo anche perché dopo di lui il Napoli è calato e chi invece ha ancora il dente avvelenato. 

Il Napoli può fare qualche altra cosa sul mercato, oltre a Politano. Non so se sarà un colpo in prospettiva alla Amrabat oppure qualcosa di utile nell’immediato. Può venir fuori un nome per l’attacco oppure un terzino, vedremo. 

Demme non è Jorginho, i movimenti però sono simili. Ha personalità e sono molto incuriosito da quello che può dare al Napoli”. 

Commenti