Gli interventi di Carlo Tavecchio, Vincenzo Morabito e Ciccio Marolda a Radio Punto Nuovo

Tavecchio: “La Superlega è aberrante, ma non penso che la UEFA possa permettersi di escludere Juventus, Barcellona e Real Madrid dalla prossima Champions League”

A Radio Punto Nuovo, nel corso di Punto Nuovo Sport Show, è intervenuto Carlo Tavecchio, ex presidente della FIGC dal 2014 al 2017: “La Superlega? Questa competizione non sta né in cielo né in terra, perché il calcio appartiene a tutti, non solo a una cerchia ristretta di club. Eventuali sanzioni verso i fondatori sarebbero sacrosante, ma penso che saranno di natura economica, dato che la UEFA non può permettersi di tenere fuori dalla Champions League Juventus, Barcellona e Real Madrid. In ogni caso, Čeferin non sarà morbido nei confronti dei presidenti delle tre società. Dovessi decidere io, terrei queste tre squadre fuori dalle competizioni europee per un anno, oltre a comminare una pesante sanzione economica”.

Morabito: “Simone Inzaghi non ha mancato di rispetto alla Lazio, gli è stato detto che la squadra non era migliorabile. Spalletti farà benissimo anche a Napoli, dove sarà fondamentale ricucire lo strappo tra De Laurentiis e Giuntoli”

A Radio Punto Nuovo, nel corso di Punto Nuovo Sport Show, è intervenuto Vincenzo Morabito, agente: “Simone Inzaghi all’Inter? Simone è una persona correttissima, l’incontro con Lotito c’è stato, anche se andava fatto tanto tempo fa. Non è vero che si fosse trovato l’accordo, Inzaghi aveva dei dubbi che ha espresso a Lotito la mattina successiva. Quando non si è convinti di continuare, è meglio lasciarsi subito piuttosto che scontrarsi alle primissime difficoltà. Tra l’altro, a Simone è stato detto che la squadra non era migliorabile, ma in realtà Tare ha commesso molti errori nelle ultime stagioni, in particolare negli acquisti in fase difensiva. Le differenze tra i fratelli Inzaghi? Pippo è troppo ansioso, trasmette questa sensazione anche alla squadra, mentre Simone è un leader e la scelta di andare all’Inter dopo Conte dimostra che è coraggioso, tenendo conto che perderà Hakimi e forse uno tra Lautaro e Lukaku. Spalletti al Napoli? Dovunque è stato, Luciano ha fatto benissimo. Per lui il gruppo è sempre al primo posto, lo ha dimostrato anche alla Roma, dove ha messo gli interessi della squadra davanti a quelli di Totti. Per il bene del Napoli sarà fondamentale l’unità di intenti tra De Laurentiis, Giuntoli e Spalletti”.

Marolda: “Spalletti è preparatissimo, l’unico dubbio riguarda il suo carattere. Donnarumma, tenendo Raiola come procuratore, ha dimostrato di voler cambiare squadra”

A Radio Punto Nuovo, nel corso di Punto Nuovo Sport Show, è intervenuto Ciccio Marolda, giornalista: “Spalletti al Napoli? Penso che sia una persona molto preparata dal punto di vista tattico. Mi affascina anche il personaggio, nonostante le voci sul suo carattere non siano troppo lusinghiere. L’addio di Donnarumma al Milan? Nel calcio manca il buonsenso e, se prendi Raiola, lo fai perché punti a un trasferimento, non perché vuoi rinnovare con l’attuale squadra. Un calciatore deve essere in grado di scegliere autonomamente, Insigne è stato coraggioso e ha preferito ritornare sui propri passi, mandando via Raiola”.

Commenti