Gli interventi di Gianluigi Longari e Carmine Esposito a “Il Sogno Nel Cuore”

Sportitalia, Longari a Il Sogno Nel Cuore” su 1 Station RadioRosa Napoli ideale per Spalletti. Ho la sensazione che Emerson arriverà ad una sola condizione, altrimenti Parisi. Sepe se partisse uno tra Meret ed Ospina

Il Milan è il club che ha investito di più. Molti riscatti e diversi prestiti rinnovati con formule diverse dallo scorso anno. Vogliono provare a riprendere Dalot, se non dovessero riuscirci lalternativa è il terzino del Real Madrid Odriozola. Inoltre, stanno capendo se possono portare subito a Milano Kaio Jorge. Questultimo è stato offerto a tutte le più grandi società dItalia, cercando un accordo che lo potesse soddisfare. Con il Milan è stato trovato, manca quello con il Santos – queste le parole di Gianluigi Longarigiornalista di Sportitalia, ai microfoni de Il Sogno Nel Cuore, trasmissione condotta da Luca Cerchione in onda dal lunedì al venerdì dalle 12:00 alle 13:00 su 1 Station Radio -. Laltra società che si sta muovendo parecchio in Serie A è lAtalanta, in uscita soprattutto. Per il difensore Romero sono arrivate due offerte dal Tottenham, 35 milioni di euro più 10 di bonus e 40 milioni di euro più 10 di bonus, entrambe rifiutate. Anche il Barcellona è interessato al giocatore, ma ancora deve proporre unofferta. Gollini ha lasciato Bergamo per via dei rapporto con Gasperini, qualcosa non funzionava, anche perché hanno speso ben 20 milioni di euro per Musso e non è facile comprare con questa facilità in un mercato caratterizzato dalla crisi. Inter? Non possono fare niente a livello di spostamenti di denaro se prima non ottemperano qualche cessione. Il loro mercato deve essere autofinanziato. Lavorano per sostituire Hakimi, il nome più caldo è quello di Nandez. Con il Cagliari i rapporti sono ottimi. Ai sardi piace Pinamonti e uneventuale cessione consentirebbe ai nerazzurri di risparmiare un ingaggio importante. Per quanto concerne Nainggolan, la dirigenza milanese sta valutando se dargli o meno la buonuscita per svincolarlo come fece con Joao Mario. Terzino sinistro Napoli? Mario Rui può restare anche se dovessero acquistare un nuovo terzino e giocarsi il posto. Per il nuovo nome tutto fa pensare ad Emerson Palmieri. Al Chelsea ha giocato poco e spinge per avere più spazio. Avendolo già allenato, Spalletti saprebbe come valorizzarlo. Lui è il nome in cima alla lista, laccordo si può trovare. La strategia del Napoli è quella di ottenere un prestito con diritto di riscatto, anche perché è difficile ipotizzare che un club metta sul piatto 15 milioni di euro cash per prendere un calciatore che non ha mai giocato. La rosa partenopea è già comunque ideale per Spalletti. Parisi dellEmpoli? È un nome che il Napoli segue e può essere una soluzione. I rapporti fra le società sono ottimi, una sinergia ben strutturata grazie alle vecchie operazioni concluse. Portieri? Meret e Ospina restano e si giocano il posto, al momento. Il colombiano aveva delle offerte, ma nulla si è concretizzato. Spalletti sa gestire queste situazioni, già a Roma ha affrontato lalternanza Szczęsny-Allison, facendoli coesistere perfettamente. Sepe? Se dovesse andar via uno fra Meret e Ospina, potrebbe ritornare. Roma? Anche i giallorossi cercano un terzino sinistro per sostituire Spinazzola. Diversi nomi sono stati fatti, ma quello di Vina del Palmeiras è quello più concreto. C’è laccordo, manca da decidere le modalità di pagamento. Inoltre ci sono difficoltà di spostamenti dal Brasile causa Covid.

Spalletti, lex Empoli Carmine Esposito Il Sogno Nel Cuore” su 1 Station RadioSi sta concentrando sulla difesa per rodare la coppia Koulibaly-Manolas, che è tra le migliori dEuropa. I tre anni di inattività allInter gli hanno fatto bene

Spalletti è un grande allenatore, ci siamo consacrati insieme con la famosa cavalcata del 95 allEmpoli – queste le parole di Carmine Esposito, ex calciatore, fra le tante, dellEmpoli, ai microfoni de Il Sogno Nel Cuore, trasmissione condotta da Luca Cerchione in onda dal lunedì al venerdì dalle 12:00 alle 13:00 su 1 Station Radio -. Luciano sa che Napoli è una piazza importante ed esigente, dunque è partito dalla base, la difesa. Gli azzurri hanno preso un bel po’ di gol lanno scorso, a differenza delle squadre di Spalletti e credo abbia voluto partire dalla retroguardia proprio per questo. Bisogna far rendere conto alla difesa del Napoli dellimportanza di ogni singola azione, e il tecnico toscano è perfetto in questo. Koulibaly-Manolas è una delle coppie più forti dEuropa. Non ci sono state le situazioni giuste per farli rendere al meglio, Spalletti si sta concentrando sulla difesa per rodarli al meglio, se lo seguiranno andrà tutto bene. Demme? È un giocatore che viene da unannata un po’ così, se ha scelto lui come pilastro del centrocampo è perché crede in lui. Può essere luomo giusto. I tre anni di inattività hanno fatto bene a Spalletti, se si è presentato in un certo modo è perché ha capito la situazione partenopea. Lo staff del tecnico toscano? Sono tutti allenatori che lo seguono da anni, ha un ottimo gruppo. È arrivato anche lex preparatore dellera Sarri, e so che è molto bravo. Chi è favorita per lo Scudetto? Non credo nella Juventus, sarà un anno caratterizzato da una ristrutturazione con Allegri. A me piace la Roma, hanno iniziato la preparazione con una gran voglia e sono strutturati bene. LInter è la squadra da battere perché è reduce dalla vittoria dello Scudetto, comunque, se Spalletti riuscisse a trovare la quadratura, e con il ritorno del pubblico, ho grandi speranze nel Napoli.Zaniolo? Ha gran voglia di esprimersi e di far vedere chi è. Chi sarà la punta che sposterà gli equilibri? Punto molto su Osimhen, un giovane che ha gamba e voglia. Spalletti tirerà fuori il suo meglio. Ma chi mi piace moltissimo è Lozano, se ci crede diventerà davvero forte. È un Callejon ma con una vena realizzativa maggiore. Miei progetti per il futuro? Il Milan ha aperto diverse scuole calcio in Cina, mi piace il progetto e potrei andare lì”.

Commenti