IL PERSONAGGIO DELLA SETTIMANA: Lobotka: da oggetto misterioso all’uomo in più del nuovo Napoli di Spalletti

Bocciato a furor di popolo, benché acquistato a suon di milioni, nella scorsa stagione contrassegnata dall’anonimato totale, viste le pochissime presenze in campo, oggi Lobotka, da oggetto misterioso è diventato l’uomo in più di questo Napoli targato Luciano Spalletti. Il neo allenatore azzurro lo ha letteralmente rigenerato in poco tempo smentendo tutti coloro che lo avevano additato come un flop della campagna acquisti di Giuntoli dell’anno passato. Nell’amichevole di lusso di sabato contro il Bayern Monaco, lo slovacco, sotto un caldo asfissiante, è totalmente rifiorito,  palleggiando alla grande,  organizzando il gioco, pressando gli avversari e facendo da trait d’union tra difesa e centrocampo. Insomma ha dimostrato che le voci che fosse, prima di venire a Napoli, un gran bel giocatore  non erano infondate. Il Ds Cristiano Giuntoli non era certamente impazzito nel volerlo nella squadra partenopea. Lo stesso connazionale ex capitano azzurro Marek Hamsik, non a caso, lo aveva consigliato al club di De Laurentiis. Finalmente Lobotka, adesso, è un altro calciatore, è uscito dal tunnel in cui lo aveva mandato Gattuso e sicuramente nella stagione che sta per cominciare sarà uno dei protagonisti, dando al tecnico di Certaldo la sicurezza di poter contare su di lui, in particolare dopo l’infortunio di Diego Demme, costretto a restare fuori per diverso tempo, a causa dell’infortunio subito nell’amichevole con la Pro Vercelli.

Commenti