Verona-Udinese 2-2: nuova beffa per l’Hellas, Badu pareggia al 92′

VERONA – Sfuma all’ultimo respiro il sogno Europa League del Verona. In vantaggio di due lunghezze grazie a un rigore di Luca Toni e a un gol di Halfredsson, gli scaligeri subiscono il ritorno orgoglioso dell’Udinese che gioca bene, onora il campionato, ci crede fino alla fine, e agguanta il pari grazie a una magia di Di Natale e a una rete in pieno recupero di Badu.

TONI DI RIGORE – Mandorlini deve rinunciare agli squalificati Albertazzi e Iturbe e agli indisponibili Donati e Martinho. In campo allora ci va un 4-3-3 con Pillud, Moras, Marques e Agostini davanti al portiere Rafael. Centrocampo a tre con Halfreddson, Cirigliano e Sala; in attacco con Toni ci sono Gomez e Marquinho. Guidolin, privo di Basta, Muriel, Maicousel, Benussi e Bruno Fernandes, risponde con un 4-3-2-1 con Scuffet tra i pali, Heurtaux, Danilo, Domizzi e Gabriel Silva in difesa; Pinzi, Allan e Lazzari in mezzo al campo; attacco affidato a Di Natale con Nico Lopez e Pereyra a supporto. L’avvio è di marca friulana, ma nonostante un prolungato possesso palla, i bianconeri fanno poco. Il Verona invece attende e riparte con pericolosità. Al minuto 14 la svolta: Agostini attacca a sinistra, penetra in area e viene steso fallosamente da Allan: rigore. Sul dischetto ci va Luca Toni che fredda Scuffet.

DANILO SALVA – L’Udinese reagisce bene e Di Natale ci prova dal limite, ma trova pronto Rafael. La difesa gialloblù copre ogni spazio e concede agli ospiti solo innocui tiri da lontano. Altra storia quando il Verona riparte. Come al minuto 37: Halfredsson pesca solo in area Toni, controllo col destro e piatto sinistro che supera Scuffet, ma sulla linea Danilo respinge. Azione che prosegue e Pillud spara da fuori un sinistro che va vicino al palo.

RADDOPPIA HALFREDSSON – A inizio ripresa il Verona presenta in campo Cacciatore al posto dell’infortunato Pillud. Passano 5′ e l’Udinese potrebbe pareggiare: sfera di Lopez per Di Natale ma Moras di testa è bravissimo a mettere palla in corner. Angolo ed Heurtaux tutto solo devia male col ginocchio sotto porta. L’Udinese gioca bene, ma è il Verona a passare ancora. Minuto 9′: Marquinho serve a destra Juanito Gomez che crossa lungo sul secondo palo dove colpisce al volo col sinistro Halfredsson. Scuffet non è attento e la palla si infila tra lui e il primo palo.

DI NATALE FA 190 – Il match sembra chiuso, ma Di Natale non ci sta e all’11’ si inventa un gol da favola. Pallone di Pereyra per il capitano che, al centro dell’area, controlla col sinistro alzandosi la sfera, si gira su se stesso, e poi infila col destro Rafael. Si tratta del gol numero 190 gol A per Totò che agguanta Hamrin nella classifica dei cannonieri di sempre. La partita si riaccende e le emozioni si susseguono da un fronte all’altro. Al quarto d’ora Allan salva sulla linea dopo un colpo di testa di Cacciatore. Al 18′ ancora Heurtaux, pescato solo in area, devia con l’esterno ma trova pronto Rafael. Sempre Heurtaux pericoloso al 25′: doppio dribbling in area ma Moras lo chiude. Lo stesso Moras un minuto dopo rischia l’autogol su una palla messa pericolosamente in area da Lopez.

BADU PER IL MERITATO 2-2 – I gialloblù ormai stanchi non riescono più a ripartire e difendono solamente. Ma lasciano spazi invitanti all’Udinese. Al 39′ bel cross di Pinzi e colpo di testa di Di Natale, dimenticato in area da Marques e Cacciatore: sfera di nulla sul fondo. Intanto Mandorlini è costretto a cambiare il suo uomo migliore, Halfredsson, stremato, con Maietta. Il centrocampo dei padroni di casa ne risente e cala vistosamente. Indovina il cambio giusto invece Guidolin che inserisce Badu al posto di Allan al 42′. Un minuto dopo rimessa laterale lunga in area e rovesciata di Pinzi che Rafael blocca. Sono quattro i minuti di recupero e al 46′ il Verona cede: cross di Di Natale, palla a Lazzari in area che l’appoggia a Badu che con un rasoterra incrociato di destro infila Rafael sul secondo palo. Finisce tra gli applausi al Bentegodi con il pubblico veronese che giustamente festeggia i proprio beniamini, autori di una stagione straordinaria.

Verona-Udinese 2-2 (1-0).
Verona (4-3-3):
Rafael 6; Pillud 6,5 (1′ st Cacciatore 5,5), Moras 6, Marques 5,5, Agostini 6,5; Sala 6, Cirigliano 6, Hallfredsson 7 (36′ st Maietta sv); Gomez 6,5 (23′ st Donadel 5,5), Toni 6,5, Marquinho 6. In panchina: Nicolas, Borra, Gonzales, Cacia, Martinho, Donsah, Jankovic, Romulo, Rabusic. Allenatore: Mandorlini 6.
Udinese (4-3-2-1): Scuffet 5; Heurtaux 5,5 (31′ st Widmer sv), Danilo 6, Domizzi 6, Gabriel Silva 5,5; Pinzi 6, Allan 5 (43′ st Badu 7), Lazzari 6,5; Nico Lopez 5,5 (30′ st Yebda 6), Pereyra 6; Di Natale 7. In panchina: Brkic, Kelava, Naldo, Bubnjic, Mlinar, Jadson, Beleck. Allenatore: Guidolin 6,5.
Arbitro: Tommasi di Bassano del Grappa.
Reti: 14′ pt Toni (R); 9′ st Hallfredsson, 11′ st Di Natale, 46′ st Badu.
Ammoniti: Heurtaux, Domizzi, Danilo, Allan, Donadel.
Angoli: 7-4 per l’Udinese.
Recupero: 0′; 4′.
Spettatori: 23.000 circa.

Fonte: Repubblica

Commenti