Parma, Ghirardi spegne le polemiche: ”Confronto civile tra tifosi e squadra”

PARMA – Hanno fatto molto discutere le immagini dei tifosi del Parma, in trasferta a Bergamo, che dopo il ko contro l’Atalanta hanno chiamato sotto la curva i giocatori e il tecnico Donadoni. Molti hanno parlato di ennesimo episodio in cui gli ultras hanno il pieno controllo del calcio, ma il presidente gialloblù, Tommaso Ghirardi, ci tiene a fare chiarezza: ”Si tratta di un misunderstanding. I nostri tifosi hanno l’abitudine di voler essere salutati a fine gara. Ieri i ragazzi non l’hanno fatto e allora la squadra, essendosi resa conto dell’errore, dopo la doccia è andata sotto la curva. E’ stato un confronto civile, come lo è la piazza di Parma. Mi dispiace che qualcuno abbia interpretato male la situazione”.

”TOCCATO IL FONDO, MA RISALIREMO” – Al di là dell’episodio finale, è un momento nero per il Parma, giunto alla quarta sconfitta consecutiva (la sesta in sette gare) e ora fanalino di coda in classifica. Ghirardi ammette che il momento è delicato, ma non perde l’ottimismo: ”Abbiamo toccato il fondo. Dobbiamo dimenticarci del campionato eccezionale dello scorso anno e le disgrazie burocratiche di quest’estate che ci hanno segnato, come avevo previsto – dice riferendosi all’esclusione dall’Europa League -. Purtroppo sono stato profeta in patria, facciamo fatica a toglierci di dosso le scorie… Ma siamo uomini, consapevoli di quello che abbiamo combinato nei minuti finali delle ultime tre partite contro Roma, Genoa e Atalanta: dispiacciono, ma fanno pensare che fino a qualche minuto prima non avremmo perso nessuna di quelle partite. Se qualcuno pensa che il Parma sia una squadra cuscinetto si sbaglia di grosso, già da domenica faremmo una grande partita e non saremo più l’ultima in classifica”.

IN RECUPERO BIABIANY – Altra problematica per il Parma sono i numerosi infortuni: ”Ci mancano tre titolari, Biabiany, Paletta e Cassani, che per noi sono tre super giocatori”, dice Ghirardi che aspetta notizie sull’esterno francese, fermato oltre un mese fa per un’aritmia cardiaca: ”Stamattina la prima telefonata l’ho fatta allo staff medico – ha raccontato il presidente del Parma -. Vanno capite le problematiche di questo ragazzo. Dalle ultime notizie pare che non sia nulla di grave e possa tornare a breve, che poi sia uno, due mesi o quindici giorni non si sa. Questo riposo gli ha fatto bene. Speriamo torni in campo presto”.

”DELUSI DA LEGGE SUGLI STADI” – Tra i primi ad arrivare in Via Rossellini per l’Assemblea di Lega, Ghirardi ha commentato così l’approvazione della legge sugli stadi, che prevede il contributo dei pagamenti delle forze dell’ordine da parte delle società: ”Analizzeremo attentamente cosa si può fare. Siamo molto delusi. E’ assurdo che fuori dal recinto dello stadio noi si debba contribuire alla sicurezza e pagare gli straordinari alle forze dell’ordine. Rispettiamo le leggi ma e’ un ulteriore impoverimento del mondo del calcio. Nei convegni, nei concerti e in manifestazioni del genere non si deve badare alla sicurezza interna all’evento, invece noi dobbiamo sobbarcarci anche quella all’esterno”, conclude il presidente gialloblù. 

parma calcio

serie A
Protagonisti:
tommaso ghirardi
Fonte: Repubblica

Commenti