Atalanta, Colantuono: “A Verona sarà più difficile che a San Siro”

BERGAMO – Squadra che vince non si cambia: Stefano Colantuono, per affrontare il Verona, riparte dall’undici che ha battuto il Milan domenica scorsa, ma non vuole farsi prendere dall’entusiasmo: “Dopo la vittoria di Milano sarebbe da matti cambiare formazione. Attenzione, però, la partita di domani è molto più difficile di quella con il Milan. Verona in crisi? Macché, sono in linea con le aspettative. – ammonisce il tecnico – Noi dovremo sfruttare al massimo il nostro buon momento, domani e contro il Cagliari, anche perché poi ci aspettano le sfide con le grandi”. Il pericolo pubblico numero uno sarà ovviamente Toni: “E’ uomo d’esperienza, che fa sempre un grande lavoro in area. Ma bisognerà tener d’occhio anche Saviola, che può dare molto fastidio”.

A proposito di mercato il tecnico degli orobici si dice soddisfatto dei rinforzi: “Emanuelson (che sarà tesserato settimana prossima, ndr) è un bel colpo, lui e Pinilla sono giocatori di valore e noi siamo stati bravi a prenderli. E non dimentichiamoci il ritorno di Masiello, che sta molto bene. Siamo contenti così. Trattative finite? Non lo so, negli ultimi giorni può sempre succedere di tutto. Abbiamo l’esempio di Bonaventura, che in estate partì all’ultimo momento. Quindi restiamo vigili”.

Nessuna novità di rilievo dunque sulla formazione: l’unica variazione, a Verona, potrebbe riguardare il ruolo di terzino destro. Benalouane è febbricitante e al suo posto probabilmente giocherà Bellini. Per il resto, tutto come a San Siro: Stendardo-Biava coppia difensiva centrale, Cigarini in regia e il tandem Pinilla-Denis in attacco, il tutto inquadrato nel consueto 4-4-2. A sinistra Moralez è intoccabile e Gomez, per il momento, può attendere. “In Coppa Italia l’ho visto bene – riconosce Colantuono – La sua condizione sta crescendo, diventerà un giocatore importante per questa squadra. Ma cambiare gli uomini che hanno fornito una prestazione straordinaria a San Siro vorrebbe dire complicarsi la vita”.

serie A

atalanta
Protagonisti:
stefano colantuono
Fonte: Repubblica

Commenti

Questo articolo è stato letto 142 volte