Le pagelle del Cds: Britos e Mertens i migliori, Benitez non sbaglia

Coppa Italia Lazio-Napoli MertensANDUJAR 6,5: Il miracolo su Klose gli vale il ruolo, la conferma ed il sentito ringraziamento del Napoli intero. Sempre contro il tedesco, nella ripresa, respinge a pugni chiusi. Dimostra di essere presente, persino con i piedi, e di rappresentare una certezza per questo Napoli.
MESTO 5,5 : Soffre come un disperato sugli slanci di Felipe Anderson o di Candreva, resiste con orgoglio e si immola per una mezz’ora abbondante. Il giallo gli costa il ritorno e nel finale si toglie la paura da dentro e ci prova.
ALBIOL 5,5: Sul gol ha un passo appesantito, va dietro a Klose, lo perde, s’inchina a tanta grazia. E’ ruvido nella ripresa…Tanto ruvido da andare ad un passo dal rosso.
BRITOS 7: Il più vivo, interpreta il ruolo alla perfezione, con le buone e pure con le cattive, di gran lunga il migliore (e mica solo perché evita il 2-0), non sbaglia niente, soltanto.
GHOULAM 6: Come se non fossero fatti suoi, lascia a Klose un pallone che potrebbe chiuderla in fretta. Va, ed è bello da vedere, ma la fase difensiva è un dettaglio. Però quando si scioglie, fa male, per poco non la chiude lui.
INLER 6: Qualche traccia la lascia, in avvio; poi va defilandosi e sembra stia quasi per sparire. Torna ad essere lui nella ripresa, quando ha libertà di palleggio (elegante) e si mette a fare a spallate, a ragionare, a sfiorare persino il gol.
DAVID LOPEZ 6: Un po’ in balia delle ondate altrui: s’arrampica come può a chiunque gli giochi addosso, però finisce per ritrovarsi travolto nella fase ascendente. La traversa lo punisce in avvio di secondo tempo, quando s’è tolto la maschera e fa l’interdizione come sa.
GABBIADINI 6,5: Invocato il bomber, il bomber risponde: perde il pallone che fa ripartire Felipe Anderson, ma mette il timbro, andando a rimorchio d’«el pipita». Ha il fiuto ed è ormai attaccante aggiunto: cinque gol, ha segnato ovunque, in tutti i modi.
DE GUZMAN 5,5: Sta di qua, sta di là, però non concede molto di sé: le coperture, ma è poco. E Radu se la spassa, una serata di assoluta normalità.
MERTENS 7: Impressionante. Non si ferma mai (e sapete cosa voglia dire mai?): allunga il Napoli, lo trascina con sè, copre, riparte, taglia in in mezzo; e il lancio sul pari è deliziosamente da applauso. E se c’è da coprire, non si sottrae (umilmente) a correre dietro a chi affonda sulla propria corsia. Ma che grande serata per il belga.
HIGUAIN 6,5: Minuto 26: quelli sarebbero i suoi palloni, ma non lo trova. E poi dopo, sempre lui, ad un niente dal pari; e ancora lui, palla a Gabbiadini. Toglietegli tutto, a Rafa, ma non el pipita che si sbatte fino al quarto minuto di recupero.
BENITEZ (all.) 6,5: Stavolta non si regala nulla, neanche un minuto di partita: il turn-over esalta, mostra il Napoli (nella ripresa) più vicino a quello vero degli ultimo tempi.

Corriere dello Sport

Commenti