Fiorentina, Montella: “Contro la Lazio la sfida più dura, però siamo pronti”

FIRENZE – Un incrocio chiave per le ambizioni europee di entrambi i club, entrambi ancora in corsa per il terzo posto occupato attualmente dal Napoli. Ecco l’istantanea di Lazio-Fiorentina, uno dei posticipi della 26esima giornata di serie A. Ne è consapevole Vincenzo Montella, che nonostante l’ottimo periodo di forma dei suoi culminato con l’impresa dello Juventus Stadium in Coppa Italia teme particolarmente la sfida-Champions di domani sera all’Olimpico.

MONTELLA: “LAZIO ESPERTA E FORTE, SFIDA PIU’ DURA DI QUESTO CICLO” – “E’ una partita estremamente difficile, forse la più difficile di questo mini ciclo – avverte il tecnico dei viola Montella alla vigilia di questa trasferta – Incontriamo una squadra in salute, esperta, competitiva, aggressiva, come dimostra il numero dei falli commessi. E’ una buona squadra che interpreta bene le varie situazioni di gioco, ha giocatori risolutivi con caratteristiche complete. Noi veniamo da tante partite ravvicinate, a differenza della Lazio. Le partite in più nelle gambe le potremmo pagare a livello fisico, ma con l’organizzazione potremo sopperire a tutto ciò”. Intervistato da violachannel, Montella ricorda che all’andata “la Lazio nel primo tempo ci fu nettamente superiore sul piano del gioco e dell’interpretazione della partita, cosa che accadde a noi nel secondo tempo – spiega l’ex Aeroplanino – però infastidì questo loro spezzettare il gioco, proprio di una squadra esperta come la Lazio. Fu una realtà, ma adesso dobbiamo guardare a quello che sarà e non a quello che fu”.

EMERGENZA ATTACCO, IDEA GILARDINO: “AVRA’ IL SUO SPAZIO” – Montella comunque non si sbilancia sulle possibilità di mandare in campo dall’inizio Gilardino, in ballottaggio con Salah per una maglia da titolare vista la situazione di emergenza in attacco: alle assenze dei lungodegenti Rossi e Bernardeschi si sono aggiunte in settimana quelle di Babacar e Gomez, out per un paio di settimane. “Gila è un ragazzo sempre positivo, ma deve ancora trovare il ritmo gara nei 90 minuti. Ha capito la situazione ed è particolarmente disponibile. Credo che in area sia ancora oggi tra i più bravi. A prescindere dagli infortuni, ho sempre detto che avrà il suo spazio. Per domani devo ancora decidere”, si limita a dire il tecnico, che dedica poi una menzione speciale all’egiziano arrivato in prestito dal Chelsea, protagonista con una doppietta dell’impresa della Fiorentina sul campo della Juventus in Coppa Italia. “Salah ha fatto cose eccezionali, supportato dalla squadra. Non è un qualcosa di eccessivo, siamo tutti contenti anche dell’impatto mediatico e non ci sono gelosie. Faremo di tutto per far continuare questo trend”.

NEI 23 CONVOCATI TORNANO TOMOVIC E SAVIC – In mattinata i gigliati hanno svolto una seduta di allenamento incentrata sul possesso palla e schemi su palle inattive in vista dell’impegno nella Capitale. Recuperati pienamente dopo gli infortuni di San Siro Tomovic e Savic, che figurano tra i 23 convocati, così come Borja Valero  Pizarro. Out Aquilani per squalifica, si valuterà in extremis l’impiego per il cileno, comunque non al top. In difesa Richards e Pasqual sono favoriti su Tomovic e Alonso sulle fasce, Savic e Rodriguez in mezzo. Al seguito della squadra viola, partita nel pomeriggio per la Capitale in treno, oltre ai dirigenti Daniele Pradè, Eduardo Macia e Vincenzo Guerini, ci saranno domani sugli spalti dell’Olimpico circa 300 tifosi. Ecco i 23 convocati di Vincenzo Montella (in ordine alfabetico): Alonso, Badelj, Basanta, Borja, Diamanti, Fernandez, Gilardino, Gonzalo, Ilicic, Joaquin, Kurtic, Lazzari, Lezzerini, Neto, Pasqual, Pizarro, Richards, Rosati, Rosi, Salah, Savic, Tomovic, Vargas.

Fonte: Repubblica

Commenti