Xavier Jacobelli: “Se Sarri avesse adottato maggiore turnover, sarebbe stato criticato per aver stravolto la squadra”

A Radio Crc nel corso di “Si Gonfia la Rete” di Raffaele Auriemma è intervenuto Xavier Jacobelli, giornalista

“Ho letto e ascoltato critiche ingenerose al Napoli dopo la sconfitta di Bergamo, intanto perché è stata la prima in assoluto. E’ evidente che la squadra azzurra ha pagato la splendida prestazione dell’Atalanta, la migliore in stagione. Tra l’altro Petagna ha una media micidiale, tre gol in 3 tiri in porta. Il Napoli ha pagato anche lo sforzo psicologico sostenuto il mercoledì precedente per battere il Benfica. Detto questo, credo che il Napoli sia in corsa per tutto: è capolista nel girone di Champions e al secondo posto in campionato. Se Sarri avesse adottato maggiore turnover, sarebbe stato criticato per aver stravolto la squadra.

Rog e Diawara hanno bisogno di tempo per inserirsi nei meccanismi del Napoli e non si può passare dall’esaltazione di Sarri dopo la vittoria sul Benfica, al definirlo uno sprovveduto dopo la sconfitta di Bergamo. Nell’arco di una stagione le grandi formazioni possono accusare delle battute d’arresto incredibili, accade anche al Barcellona. Non è automatico che un nuovo giocatore si inserisca subito negli schemi tattici dell’allenatore, ci vuole del tempo, lo scorso anno è accaduto anche ad Allegri di essere criticato quando teneva Dybala in panchina”.

Il presente comunicato è stato inviato da Crc. Si declina ogni responsabilità dal contenuto dello stesso

Commenti