Joao Santos (procuratore di Jorginho): Quando il napoli non fa risultato Jorginho sente il peso della responsabilità della sconfitta

A Radio Crc nel corso di “Si Gonfia la Rete” di Raffaele Auriemma è intervenuto Joao Santos, procuratore di Jorginho

“Sono arrivato a Roma, c’erano con me c’erano 200 tifosi del Besiktas e credo ne verranno a Napoli almeno 5.000. Jorginho è tranquillo, stasera guarderò con lui a casa le partite di Champions. Il centrocampo è sempre responsabile, sia quando la squadra segna che quando subisce gol. Jorginho fisicamente sta bene, ma quando il Napoli non fa risultato sente il peso della responsabilità della sconfitta. Non è stanco, lo si evince dai numeri: contro la Roma ha percorso 12 chilometri e un calciatore stanco non potrebbe farlo. Jorginho prende sempre il meglio delle critiche, ma spera che contro il Besiktas possa giocare e tornare vincere. Il Napoli quando non gioca bene difficilmente vince, ma io, da uomo di sport, preferisco una squadra che gioca bene ad una che vince non giocando bene.

Jorginho in panchina contro il Besiktas? Non mi ha detto nulla anche perché fisicamente sta bene e se non dovesse essere titolare vuol dire che è una scelta tecnica, ma il mio assistito è pronto anche mentalmente. Jorginho deve dare la scossa alla squadra.

La serie A è un campionato molto difficile perché le squadre che giocano contro Juve e Napoli in realtà non giocano, ma si chiudono e gli azzurri devono trovare una soluzione per superare il muro avversario”.

Commenti

Questo articolo è stato letto 656 volte