Nazionale, Ventura: “Abbiamo grande rispetto per il Liechtenstein, guai a sottovalutare i nostri avversari”

Il ct azzurro Gianpiero Ventura è intervenuto in conferenza stampa alla vigilia di Liechtenstein-Italia, match che si disputerà domani alle 20.45 e sarà valido per le qualificazioni ai Mondiali di Russia 2018:

Sul Liechtenstein: “I nostri avversari in Spagna perdevano solo 1-0 a mezz’ora dalla fine, poi sono crollati ma guai a sottovalutarli. Abbiamo grande rispetto per questa squadra e la priorità è vincere, poi tutto il resto è conseguenza. Sarà un esame psicologico non soltanto tattico: si parla sempre del modulo, vediamo comunque se riusciremo a mettere in pratica una proposta alternativa. Mi sorprende sentire gente che parla di dover contare solo i gol, hanno sempre giocato con un solo modulo, dovessero cambiare mi sorprenderebbe ma sarebbe un loro diritto”.

Sul clima: “Fa freddo ma siamo in inverno e non c’è un clima catastrofico. Sarà una partita di calcio su un campo regolare, ho trovato buone strutture e non ci saranno problemi”.

Dove c’è più da lavorare:Quando inizi un nuovo percorso tattico ci sono diverse componenti e vanno analizzate tutte. Abbiamo provato un modulo che in Italia non sta facendo nessuno quindi anche i giocatori devono abituarsi ai nuovi dettami tattici. Ho trovato grande disponibilità da parte di tutti ma è chiaro che abbiamo lavorato solo tre giorni e mezzo. C’è stata un’infornata di giocatori giovani e c’è bisogno di iniziare anche per verificare la loro mentalità”.

Sulle convocazioni: “Abbiamo fatto delle convocazioni allargate, il che vuol dire chiamare sei punte e sei esterni. Ci dobbiamo dividere tra due gare di cui una è amichevole. Se gli avversari cambiano modulo dovremmo fare qualcosa anche noi come è normale che sia. Abbiamo un discorso più di gruppo che tecnico”.

fonte-calciomercato.com

Commenti
avatar

Tilde Schiavone

Sono una persona che riesce a star bene con se stessa solo se intorno a lei c' è armonia, questo è il motivo per cui cerco di risolvere i conflitti esistenti tra le persone che mi circondano;non amo i gioielli, specialmente quelli costosi, preferisco gli accessori di poco valore; non amo ricevere in regalo i fiori recisi: preferisco ammirarli nei giardini dove compiono il loro naturale ciclo vitale e non nei vasi dove hanno vita breve..Amo il blues,il canto del dolore, e il mio sogno è raggiungere un giorno quei luoghi che lo hanno visto nascere; Amo gli indiani d' america, la loro spiritualità e la loro cultura. non vivrei senza i dolci e la pizza. Sono campanilista, napolista, meridionalista ...maradonista. Adoro gli animali, ritengo che non siano loro le bestie e sono vegetariana. Non mi piace parlare, quel che sento preferisco scriverlo, so esprimermi meglio con una penna in mano anziché dinanzi a un microfono, amo inoltre il folclore della mia terra e cerco, attraverso l' Associazione Culturale Fonte Nova d cui sono Presidente, di preservarlo e diffonderlo ... e duclis in fundo AMO LA MIA NAPOLI, senza se e senza ma, ringrazio Dio perchè ha fatto sì che nelle mie vene scorresse il sangue del Sud!