Serie A, partite e orari della 31^ giornata

La sconfitta della Juventus in Champions avrà ripercussioni in campionato?

Paradosssalmente, con l’obiettivo Champions praticamente sfumato e l’ambiente bianconero che – al di là delle dichiarazioni di rito e di eventuali miracoli sportivi – ne è ben consapevole, la sconfitta contro il Real Madrid potrebbe aiutare la Juventus a rituffarsi in campionato con maggior determinazione e cattiveria. Sta ad Allegri riuscire a toccare le corde giuste nei suoi giocatori evitando cali di concentrazione. L’avversario non è certo impossibile, il Benevento ultimo in classifica, ma capita in un momento perfetto per mettere alla prova la voglia di dimenticare il ko dei bianconeri. La squadra di De Zerbi viene da una vittoria che ha caricato l’ambiente: non ha certo restituito grandi speranze di salvezza (la Spal quart’ultima è lontana 13 punti), ma un po’ di consapevolezza e di fiducia nei propri mezzi sì.

E il Napoli?

Il Napoli torna a giocare dopo la Juventus, ovvero con quella pressione addosso che a Sarri non piace proprio. Va detto però che nell’unica recente occasione in cui gli è toccato scendere in campo prima dei rivali bianconeri (con il Sassuolo, in attesa della Juve poi impegnata contro il Milan) non è riuscito nel provvisorio sorpasso in classifica. Il Napoli ospita il Chievo che all’andata, a novembre, gli impose lo 0-0 permettendo alla Juventus di accorciare in classifica, portandosi a un solo punto dall’allora capolista.

Chi è favorito nella corsa Champions?

Lo 0-0 del derby di Milano ha fatto male soprattutto al Milan, che avrebbe potuto riagganciare il treno di Roma, Inter e Lazio riavvicinandosi alla zona Champions. Il pareggio, invece, mantiene immutata la distanza dai cugini (-8) che al momento occupano il quarto e ultimo posto buono per la Champions. Escluse Juventus e Napoli, volate via, restano due caselle libere e in lotta ci sono Roma (60 punti), Inter (59), Lazio (57), Milan (51), quando mancano 8 giornate alla fine del campionato.

Come procede la lotta salvezza?

Il nettissimo 3-0 del Benevento sul Verona, come detto, ha restituito fiducia più che speranze alla squadra di De Zerbi, ancora ultima in classifica (13 punti) e a 9 punti dall’Hellas (22). Il Crotone, terz’ultimo (24 punti) affronta in casa il Bologna e spera nel sorpasso sulla Spal (26 punti) che gioca contro l’Atalanta, per uscire dalla zona rossa. Cagliari, Sassuolo e Chievo (29 punti) non possono però stare certo tranquille.

Quali sono le partite più interessanti da seguire nel weekend?

Il derby di Genova, innanzitutto: tra Sampdoria e Genoa ci sono 13 punti in classifica e le due squadre arrivano al derby dopo una vittoria sudata cheper entrambe ha chiuso una striscia negativa. La Samp ha superato l’Atalanta solo nel finale (2-1) dimenticando le 3 sconfitte di fila precedenti (con ben 11 gol incassati), mentre i rossoblu vincendo sul Cagliari con lo stesso punteggio sono tornati a vincere dopo i ko contro Bologna, Milan e Napoli (0 gol segnati nel parziale) e l’1-1 con la Spal.

Di sicuro interesse Roma-Fiorentina, con i giallorossi reduci dal ko di Champions (4-1 a Barcellona) e i viola che hanno reagito al dramma della scomparsa di Davide Astori mettendo in campo una forza nuova e una determinazione che ha prodotto le vittorie contro Benevento, Torino, Crotone e Udinese. La squadra di Pioli è in striscia positiva da 6 gare (un pareggio e 5 vittorie), imbattuta dopo il ko (2-0) contro la Juventus del 9 febbraio.

Al contrario, è un momentaccio per l’Udinese, che affronta la Lazio sperando di uscire dal tunnel di 7 sconfitte di fila in cui si è infilata. Appena 2 gol segnati nel parziale, a fronte dei 2 subiti in ognuna di queste gare. L’ultima vittoria, 1-0 sul Genoa, risale a fine gennaio. Prima di quella gara, curiosamente, l’Udinese aveva perso proprio contro la Lazio (3-0) nel recupero della gara d’andata, in programma a novembre e poi rinviata.

Fonte: SkySport

Commenti