Gli interventi di Gaetano Imparato, Enzo Bucchioni, Ciccio Marolda, Giovanni Capuano, Ciro Venerato e Claudio Onofri

A Radio Crc nella trasmissione “Si gonfia la rete” di Raffaele Auriemma è intervenuto Gaetano Imparato, giornalista

“Sono scettico quando si attacca Sarri che sta facendo i miracoli a Napoli. Se davvero fosse così scarso, non sarebbe dov’è e invece la sua squadra esprime un calcio bellissimo e raggiunge risultati. La qualificazione in Champions è una vittoria di Sarri e certi gol, per esempio il primo contro il Benfica, sono costruiti in allenamento per cui questo è un Napoli che studia e lavora durante la settimana.

Gli azzurri ieri hanno giocato benissimo, ma voglio sottolineare che Sarri è sempre lo stesso allenatore, ha creato una struttura importantissima e ci vuole davvero poco per diventare grandi”.

A Radio Crc nella trasmissione “Si gonfia la rete” di Raffaele Auriemma è intervenuto Enzo Bucchioni, giornalista

“Sarri ieri è stato bravissimo perché è partito con Gabbiadini e c’era bisogno della fisicità del bergamasco, poi quando l’avversario è calato anche visto il risultato dell’altro campo, ha messo Mertens che con il suo talento e la sua velocità ha spaccato la partita. Ieri è entrato ed ha trovato le condizioni ideali per esprimere le sue qualità. L’allenatore fa bene a sfruttare tutte le qualità della rosa, nel calcio di oggi non ci sono inamovibili.

Non tutte le partita sono uguali, in certi momenti difficili si poteva cambiare e giocare in maniera diversa. Il Napoli aveva perso le certezze ed è inevitabile quando si domina, ma non si riesce a trovare vittoria e gol. Le grandi squadre devono conoscere più strade tattiche e non è un discorso solo relativo al Napoli”.

A Radio Crc nella trasmissione “Si gonfia la rete” di Raffaele Auriemma è intervenuto Cicco Marolda, giornalista

“Non c’era grande differenza tra primo e secondo posto, serviva la qualificazione, ma la soddisfazione del primato è tanta. Il Napoli ieri è stato abbastanza maturo per l’appuntamento che aveva di fronte. Ci sono stati i soliti errori difensivi, ma vincere in quello stadio contro il Benfica non è da tutti e il Napoli invece ha giocato con grande autorevolezza.

Il Napoli può guardare avanti con grandissima fiducia perché la svolta mi pare ci sia stata prima nella gatta con l’Inter e poi con il Benfica. Il calendario è abbastanza amico nei prossimi due turni perché si incontreranno Roma, Juve e Milan e qualcosa di positivo può venir fuori”.

A Radio Crc nella trasmissione “Si gonfia la rete” di Raffaele Auriemma è intervenuto Giovanni Capuano, giornalista

“Il Napoli ieri ha evitato il più grande errore ossia quello di farsi condizionare dal risultato di Kiev. In passato è capitato, ma ieri si è liberato di testa ed ha assolutamente meritato la vittoria. Non so contro il Benfica se sia stato il vero esame di maturità, ma la qualificazione e il primo posto il classifica dà la risposta al quesito estivo quando tutti si chiedevano come avrebbe reagito Sarri all’impatto con i grandi palcoscenici europei.

In Europa ogni discorso adesso può essere relativo, c’è da aspettare i sorteggi prima di immaginare il futuro del Napoli mentre in campionato la forza è quella da seconda in classifica. Lo è stata fino a che c’è stato Milik, poi è inevitabile che qualcosa è mancato, ma a gennaio mi aspetto che si vada a rinforzare l’attacco”.

A Radio Crc nella trasmissione “Si gonfia la rete” di Raffaele Auriemma è intervenuto Ciro Venerato, giornalista

“Fossi nel Napoli prenderei due attaccanti a gennaio, un big e uno stile Pazzini però mi risulta che la società voglia prenderne uno in attesa di recuperare Milik. Su Gabbiadini ci sono diverse squadre, ma registro un piccolo passo in avanti dello Stoke City che è pronto a portare all’entourage del calciatore un’offerta importante che poi girerà al club azzurro. Si tratta di una cifra che si aggira intorno ai 18milioni di base fissa più 2 di bonus. Gabbiadini gradisce questa ipotesi, c’è però da convincere De Laurentiis. In entrata, domani arriverà la risposta di Pavoletti che credo sarà positiva vista l’apertura di Branchini a Giuntoli. Col Genoa c’è una sorte di accordo di 18milioni bonus compresi, ma il Napoli è in attesa di vederlo in campo e se Pavoletti darà garante fisiche entro Natale il club azzurro lo annuncerà.

E’ difficile convincere la Fiorentina a privarsi del suo miglior giocatore a gennaio per cui il Napoli su Kalinic non dico ci abbia messo un punto definitivo, ma di certo una virgola da qui a giugno”.

A Radio Crc nella trasmissione “Si gonfia la rete” di Raffaele Auriemma è intervenuto Claudio Onofri, allenatore

“Ieri nel secondo tempo è venuta fuori la classe di Mertens che oltre al gol ha fornito l’assist a Callejon, ma anche nel primo tempo mi è piaciuto il Napoli. Non dimentichiamo contro chi ha giocato la squadra azzurra perché il Benfica è squadra altolocata e il Da Luz non è uno stadio semplice. La prova del Napoli è incoraggiante per quanto riguarda il cammino europeo e quando sviluppa l’identità di gioco è davvero un piacere vederlo giocare. Gabbiadini si impegna, ieri un paio di volte ha avito la possibilità di tirare, ma poi Mertens in un ruolo non naturale ha cambiato le carte in tavola.

Diawara ieri ha sbagliato qualcosa in maniera ingenua, ma mi piace molto perché è sempre presente. Anche nella fase di costruzione non è un genio, ma si libera in maniera abbastanza semplice dell’avversario che lo va a pressare perché si muove in maniera fluida e questa è una nota molto positiva”.

I presenti comunicati sono stati inviati da Crc. Si declina ogni responsabilità dal contenuto degli stessi

Commenti