Empoli, Martusciello: “Dobbiamo migliorare oppure addio salvezza”

Empoli, Martusciello: "Dobbiamo migliorare oppure addio salvezza"Giovanni Martusciello  EMPOLI – Giovanni Martusciello prova a predicare calma. Il tecnico dell’Empoli cerca di alleggerire la tensione che circonda la sfida di domani al Castellani con il Palermo, che ha l’aspetto del crocevia decisivo in chiave salvezza: azzurri virtualmente salvi a quota 14 punti, rosanero a ridosso con 10. “Non sarà una partita decisiva, dovremo affrontare i rosanero come affrontiamo tutte le squadre. So che non mancheranno la voglia, le preoccupazioni e la paura giusta: abbiamo tante motivazioni ed è una gara importante ma non dobbiamo guardare la classifica. Dall’altra parte c’è un buon avversario, mi aspetto un Palermo che ci darà filo da torcere. Le difficoltà saranno notevoli, visto che hanno conquistato 9 punti su 10 fuori casa. Bisogna migliorare per forza, altrimenti si fa fatica a salvarsi”.

LA RINASCITA DI MCHEDLIDZE – Nelle ultime settimane prima della sosta, il tecnico ha “riscoperto” Mchedlidze, protagonista in zona gol. “Sta crescendo, e come lui tanti altri, da Dimarco a Krunic, da Tello a Cosic. Levan sta lavorando molto bene, ha caratteristihe che gli altri attaccanti della rosa non hanno”. Altre buone notizie arrivano dall’infermeria. “Veseli e Laurini stanno meglio fisicamente, la sosta in questo senso ci ha aiutato. Dovremo poi valutare la loro tenuta nel corso della gara”. Con una gara così importante alle porte, la serenità dell’Empoli viene turbata anche dalle voci di mercato. “Non mi va di parlarne, le energie fisiche e nervose devono concentrarsi sul campo. Ci toglie qualcosa, è il momento in cui i giocatori sono con la valigia in mano. Se ci sono richieste perché qualche ragazzo non si trova bene se ne occupa la società, io penso solamente al Palermo, allo stimolo di tornare a giocare per raccogliere punti e arrivare alla salvezza, dopo una sosta decisamente anomala perché non ci ha permesso di tenere i giocatori in campo”.

empoli calcio

serie A
Protagonisti:
giovanni martusciello

Fonte: Repubblica

Commenti

Questo articolo è stato letto 295 volte