Semplici, orgoglio Spal: “Già retrocessi? Ce la stiamo cavando bene”

FERRARA – Nessuno se lo sarebbe mai aspettato, nemmeno nelle più rosee aspettative a Ferrara avrebbero immaginato di vedere la Spal insieme alle big dopo appena due giornate. È stato dolce il ritorno in A della squadra emiliana che, dopo il pareggio all’Olimpico contro la Lazio, ha portato a casa i primi tre punti contro l’Udinese e ora è a quota 4, davanti a squadre come Roma, Atalanta e Fiorentina. “Nonostante in molti ci diano già per retrocessi – le parole orgogliose del tecnico Semplici -, la squadra ha affrontato le prime due partite in maniera egregia, con buone prestazioni, portando a casa punti importanti per il nostro obiettivo”.

ANDREMO A GIOCARCELA CON INTER – Una partenza col botto che ha fatto subito pensare al Chievo dei miracoli di qualche stagione fa: “Credo sia difficile ripetere quell’impresa, il calcio è cambiato rispetto a quegli anni – spiega il 50enne allenatore fiorentino ai microfoni di “Radio Anch’io Sport” su RadioUno – Qui c’è entusiasmo e voglia di dimostrarci all’altezza del campionato, ma abbiamo budget inferiore rispetto alle altre. Con la nostra idea di gioco cercheremo di dare del filo da torcere a tutti ed arrivare senza sofferenze alla salvezza, cosa non facile”. Dopo la pausa per la Nazionale, ecco l’Inter di Spalletti: “Giocare in questi stadi è motivo di orgoglio e soddisfazione. È una delle migliori squadre, una delle candidate allo scudetto: andremo lì con umiltà e rispetto, cercheremo di dar del filo da torcere anche all’Inter, benché sappiamo che sarà una partita difficilissima”.

FLOCCARI KO NON INFLUIRÀ – “Siamo partiti col piede giusto, queste prime due gare devono darci forza e convinzione in quanto stiamo facendo e nelle capacità dei nostri giocatori – prosegue Semplici -. La coppia Borriello-Floccari? Sono due giocatori importantissimi, anche sotto l’aspetto dell’esperienza: sanno come gestire molte situazioni e per una squadra esordiente come la nostra è un valore aggiunto. Mi spiace per Floccari, ieri uscito per infortunio, non so per quanto ne avrà, ma nella nostra rosa abbiamo attaccanti di qualità ed esperienza come Antenucci, Bonazzoli e Paloschi”. A proposito dell’ex milanista: “È un valore aggiunto, con la Lazio ha disputato una buona gara. Ieri ho fatto un’altra scelta, ma è un ragazzo che ha voglia di mettersi in discussione e che darà il suo contributo alla squadra”.

GRUPPO BEN RODATO – Semplici conosce alla perfezione le doti del suo gruppo: “Se non mettiamo in campo umiltà e coraggio sarà difficile portare via un risultato positivo nei grandi stadi. Mi auguro che si possa crescere e si faccia una buona prestazione anche a San Siro”. Detto che la società ferrarese è ancora attiva sul mercato (“Qualcosa manca ancora, stiamo cercando di completare la nostra rosa”), Semplici sa che la forza della neopromossa sta soprattutto negli ingranaggi di gioco ben rodati: “Il nostro lavoro parte da lontano, è il terzo anno che sto alla Spal e c’è un’identità di gioco già impostata. Gli ultimi arrivati sono stato agevolati anche da questo”. Semplici sa anche che, facendo bene con la Spal, potrebbe ambire a panchine più prestigiose: “Mi auguro che questo sia un punto di arrivo e non di partenza e che in futuro possa allenare una squadra più importante. Sono uno studioso del calcio. Mi metto sempre in discussione e cerco di migliorarmi quotidianamente – conclude Semplici – provando ad andare avanti senza pensare a quanto fatto, ma a ciò che farò”.

spal

serie A
Protagonisti:
leonardo semplici

Fonte: Repubblica

Commenti