Ancelotti:”Io ct dell’Italia? Prima ci vuole chiarezza, poi potrei pensarci…”

“Io ct dell’Italia? Ci vuole prima chiarezza, poi ci potrei pensare…”. Carlo Ancelotti prossimo commissario tecnico della Nazionale, l’ex MilanRomaJuventus (tra le altre) non si tirerebbe indietro a priori. La lunga intervista del Corriere dello Sport si conclude con la domanda più importante per le sorti del calcio italiano, ma affronta anche altri temi, come la crisi della Roma e la candidatura alla finale di Champions della Juventus.
“Rispetto al passato anche recente, sarà più difficile per tutti vincere la Champions” – attacca Ancelotti – “La ragione è semplice: sono migliorate le squadre e, di conseguenza, sono aumentate le candidate alla nale. Prima erano 4-5, le due spagnole, il Manchester United, il Bayern e la Juve (nell’ultimo periodo), ora si sono aggiunte altre 2-3 inglesi e il Psg. E se pensiamo che uno degli ottavi di nale è Real Madrid-Psg si capisce quale sia la difficoltà per tutte. Juventus? La finale è il suo obiettivo, ma l’ho detto prima, quest’anno è più di cile arrivare a Kiev. La lotta è più ampia. Difesa migliore d’Europa negli ultimi mesi? E’ la sua forza. Solida e continua, questa è la Juve, una squadra che difficilmente sbaglia una partita e ancora più di cilmente sbaglia un periodo. Anche quando sul campo incontra dei problemi trova sempre il risultato, proprio come sta accadendo adesso e questo perché ha un’assoluta solidità difensiva. Però col Tottenham non è mica semplice”.
La Roma, altra ex, attraversa un periodo di crisi: “Solo di recente è mancato qualche risultato. Non so da cosa è dovuto, ma il calcio è così. Possiamo prendere il Real Madrid per spiegare certe situazioni: un mese fa il Real era campione del mondo, sembrava imbattibile, poi è andato giù. D’improvviso ti trovi ad a rontare problemi che prima non esistevano. Il calcio è determinato dalla condizione sica, dalla motivazione dei giocatori, basta che ci sia un calo e diventa tutto complicato. Shakhtar? E’ un ottavo di finale di Champions, tutto può succedere. Ma se la Roma ritrova un po’ di condizione ce la fa”. Lazio sorpresa del campionato: “Bella squadra, bel gioco, c’è entusiasmo, ma c’è soprattutto qualità in tutti i reparti, a cominciare dall’attacco con Immobile”.
Ancelotti è tra i candidati alla carica di Ct: “La mia risposta è questa: la federazione, ora con l’aiuto del Coni, deve creare una sua nuova struttura, dopodiché prenderà la decisione. Io resto della mia idea, ci vuole prima chiarezza, poi ci si può pensare, anche se il mio obiettivo rimane quello di allenare una squadra di club. Quale? Ancora non lo so, è tutto in alto mare, bisogna aspettare un paio di mesi. Ora torna la Champions e, a meno che non vengano cambiate le regole, c’è una sola squadra che la vince. Le altre che faranno?”. L’intervista integrale nelle pagine del Corriere dello Sport.

GianlucaDiMarzio.com

Commenti

Questo articolo è stato letto 895 volte