Zidane: “Attenzione al ritorno, la Juve insegna”

Un’altra vittoria esterna, ora Kiev è ancora più vicina. Il Real Madrid vince a Monaco contro il Bayern e compie un ulteriore passo verso la sua terza finale di Champions League consecutiva. Non una gara facile però, perché la squadra di Zidane ha sofferto soprattutto nel primo tempo e ha sfruttato gli errori dei bavaresi, sia sottoporta che in disimpegno, come accaduto in occasione del vantaggio di Asensio. L’allenatore francese, intervenuto nel post-partita, ha commentato così: “Cinici? Sì, questo è il calcio. Abbiamo avuto le nostro occasioni, così come loro, ma alla fine abbiamo vinto. Abbiamo avuto difficoltà all’inizio, poi ci siamo messi un po’ meglio nella seconda parte. Vincere qui non è mai facie, abbiamo sofferto tanto soprattutto all’inizio, avevamo difficoltà ad uscire”. Zidane spiega poi le sostituzioni, soprattutto quella vincente tra Isco e Asensio: “Isco è dovuto uscire per un problema fisico ed è entrato Marco e ha fatto la differenza. Benzema dentro per Carvajal (anche lui infortunato, ndr)? A me piace giocare al calcio”.

“Attenzione al ritorno, la Juve insegna”

Per una volta, Ronaldo resta a secco: “E’ importante che anche gli altri facciano la differenza – afferma Zidane, che poi avverte i suoi in vista della gara di ritorno: “Dopo la partita con la Juve, sappiamo che dobbiamo affrontarlo diversamente, altrimenti potrebbe finire male. Dobbiamo lottare anche al Bernabeu, non abbiamo fatto ancora nulla. Nel calcio non si può mai dire, dobbiamo ancora soffrire”. Zizou ha spiazzato un po’ tutti tenendo fuori sia Benzema che Bale dall’undici titolare. L’alternanza in attacco sarà un aspetto molto discusso fino a fine stagione: “Dovrò scegliere ogni volta da qui alla fine. Mancano ancora partite, conto ancora su Bale. Chi dice che non è così, non dice la verità”.

Fonte: SkySport

Commenti