Australia, match sospeso per … un canguro

In un campo di calcio siamo ormai abituati a vedere di tutto. Non solo calciatori, arbitri e allenatori, ma in qualche caso anche… animali. In giro per l’Europa e per il Sudamerica sono state raccolte numerose dimostrazioni in tal senso, ma se poi ci sposta in Australia è anche normale che il protagonista diventi un canguro. È quanto successo domenica, nei pressi di Canberra, nel corso della sfida di calcio femminile tra Capital Football Club e Belconnen United. Quando le due squadre erano pronte a tornare negli spogliatoi per l’intervallo, un marsupiale ha fatto la sua comparsa sul terreno di gioco. Gli addetti al campo sono riusciti nell’intento iniziale di allontanarlo all’esterno dell’impianto, ma al rientro dei giocatori per il secondo tempo il canguro è tornato in azione, piazzandosi davanti una delle due porte e facendo correre via i giocatori impauriti. I presenti hanno tentato di farlo uscire di nuovo in ogni modo, anche cercando di spaventarlo con un camion, ma ogni sforzo è apparso vano. L’animale simbolo del Paese oceanico è rimasto sdraiato, non curandosi neanche delle pallonate provate dai calciatori – dirette a qualche metro di distanza s’intende – con l’obiettivo di farlo spostare. L’intervento risolutivo, dopo ben 32 minuti di interruzione del match, è arrivato dall’allenatore a bordo del suo pick-up, con il canguro che, nel tentativo di attraversare una zona recintata, è poi rimasto ferito. “Ha rappresentato una reale minaccia – ha commentato Amber Harvey, capitano del Capital Football Club -. Alcune persone si sono avvicinate per vedere se riuscivano a spostarlo fuori dal campo, ma quando si è alzato – credo fosse alto più o meno un metro e mezzo – hanno fatto marcia indietro velocemente. Non credo però che qualcuno fosse troppo allarmato da quanto stesse succedendo”. I canguri, d’altronde, sono uno spettacolo comune nei sobborghi di Canberra, sebbene sia più comune incrociarli durante la notte mentre pascolano con temperature più fresche.

Fonte: SkySport

Commenti

Questo articolo è stato letto 490 volte