Coronavirus, morto il primo calciatore professionista: Guzman aveva 25 anni e giocava in Bolivia

In Bolivia il primo caso di calciatore professionista morto a causa del coronavirus. Proprio mentre in Itallia c’è il via libera al campionato di calcio, arriva la notizia che Deibert Roman Guzman è morto: aveva 25 anni e giocava difensore nell’Universitario del Beni, club che disputa la Copa Simón Bolívar, l’equivalente della Serie B italiana.

Una tragedia che ha sconvolto il calcio sudamericano, anche perché un’intera famiglia è stata decimata: nel giro di pochi giorni con il ragazzo sono morti a causa del Covid-19 anche il papà dirigente e lo zio allenatore. Una tragedia tripla.

Leggo.it

Commenti