NO, NON E’ GIUSTO! Alex Zanardi vittima di un nuovo incidente

Non è giusto! Condividiamo il titolo del Corriere dello Sport “No, Alex no!”; perché il destino infierisce ancora contro questo sportivo? Non gli ha chiesto (e preso) già abbastanza?

Alex Zanardi, 53 anni, bolognese è vittima di un nuovo incidente: non su un circuito ma sulle strade della Toscana, non su un bolide a motore ma a bordo di una handbike, si è scontrato con un camion. Attualmente è ricoverato, le condizioni sono gravi ma stabili.

Alex è diventato ancora più sportivo di quanto già non fosse prima di quel giorno di Settembre del 2001 quando nel circuito tedesco del Lausitzring, rientrando dai box, la sua vettura fu speronata da quella di Alex Tagliani: impatto devastante, tagliate in due sia la monoposto del pilota bolognese sia il suo fisico che da quel giorno è rimasto senza gambe. Abbiamo già scritto di Zanardi, del suo rientro nel mondo agonistico proprio nel punto in cui era stato costretto ad uscire, completando il numero di giri che mancavano alla fine della gara fatale. Attività agonistica ripresa come se nulla fosse successo, automobilismo, paraciclismo, partecipazione alla Maratona di New York; si badi bene che non parliamo di un temerario, o di un incosciente che si diverte a sfidare il destino, stiamo parlando di una persona che ha deciso di essere un punto di riferimento per chiunque, anche in quelle difficili condizioni (Manuel Bortuzzo è un altro straordinario esempio) per dimostrare che ci si può rialzare pur non avendo le gambe.

La speranza di tutti è che anche questa volta Alex possa tornare in pista o su strada sconfiggendo per la seconda volta quel destino che ha frapposto un ostacolo tra lui e la sua eterna voglia di competere (e vincere…).

 Antonio Gagliardi

Commenti