ANTEPRIMA PARTITA Atalanta vs Napoli

Dopo l’opaca prestazione in Europa League a Granada, il Napoli si rituffa in campionato per la delicata sfida valida per la 23esima giornata, al GEWISS STADIUM, contro l’Atalanta che per la terza volta, in poco tempo, affronta gli azzurri di Gattuso. Attualmente le due contendenti sono a quota 40 in classifica, a soli due punti dal quarto posto occupato dalla Juventus. In casa nerazzurra i calciatori di Gasperini  hanno avuto un’intera settimana di allenamenti per preparare al meglio questo match, tuttavia con un occhio già puntato alla importantissima gara di Champions di mercoledì contro il Real Madrid. Il gioco dei nerazzurri, tranne che in qualche occasione, è sempre stato spumeggiante e spettacolare, grazie soprattutto ad un attacco molto prolifico che vede nell’ex Zapata e Muriel i suoi condottieri di prestigio. Però  gli orobici, ultimamente, faticano non poco sul proprio terreno dove non vincono dal giorno dell’Epifania, quando sconfissero il Parma per 3 a 0. Da allora solo due pareggi ed una sconfitta. Sull’altra sponda la squadra di Rino Gattuso, che continua ad avere un rendimento troppo altalenante, cerca conferme dopo il successo contro i bianconeri. Gli azzurri in questa stagione alternano vittorie a sconfitte, infatti, finora hanno impattato in una sola gara quella con il Torino, a Fuorigrotta, prima di Natale. Mentre i padroni di casa giungono alla partita di domani con la rosa al completo, con la sola eccezione di Hateboer, ancora infortunato, gli ospiti sono in piena emergenza con i giocatori contati. Gasperini, dunque, manderà in campo la migliore formazione con il suo solito modulo collaudato 3-4-2-1; Gollini tra i pali con davanti Romero a guidare il terzetto difensivo completato da Toloi e Djimsiti, in vantaggio su Palomino. Sugli esterni  Maehle a destra e il tedesco Gosens a sinistra, quindi a centrocampo Pessina e uno  tra De Roon e Freuler con il primo  in netto vantaggio. In avanti la punta centrale dovrebbe essere Zapata con  Ilicic e Malinovskyi alle sue spalle. Miranchuk partirà invece dalla panchina, così come il nuovo arrivato Kovalenko. Di contro l’allenatore azzurro che potrà contare sul ritorno nel gruppo dei due difensori Koulibaly e Ghoulam  negativizzati completamente, non ha molta scelta, date le assenze ma probabilmente dovrebbero recuperare Demme e Politano i quali se non giocheranno dall’inizio, potrebbero subentrare in corso d’opera. La difesa sarà quella vista  nelle recenti gare con Juve e Granada, al centro del campo ci sarà sicuramente il francese Bakayoko assieme a Fabian e Zielinsky. Infine l’attacco sarà composto da Osimhen punta principale con Insigne a sinistra ed Elmas o Politano sulla fascia di destra. Pertanto ecco qui di seguito i possibili schieramenti:

Atalanta (3-4-2-1): Gollini; Toloi, Romero, Djimsiti; Maehle, De Roon, Pessina, Gosens; Malinovskyi, Ilicic; Zapata. All. Gasperini

Napoli (4-3-3): Meret; Di Lorenzo, Maksimovic, Koulibaly, Rui; Zielinski, Bakayoko, Ruiz; Elmas, Osimhen, Insigne. All. Gattuso

Veniamo ora alle statistiche del match numero 100 in A tra Atalanta e Napoli: nei precedenti  99 incontri  il  bilancio  vede gli azzurri in vantaggio per 44 successi a 27, 28 i risultati nulli. Tuttavia se guardiamo alle sole partite giocate in terra bergamasca, cioè 49, lo score è di 21 vittorie per i nerazzurri contro solo 10 degli azzurri, 18 i pareggi. La gara di andata, a Fuorigrotta, come tutti ricorderanno finì 4 a 1 per la formazione di Gattuso, in gol anche Osimhen. Un’ultima curiosità viene dai tiri in porta: Atalanta e Napoli sono le uniche due compagini di serie A che tirano di più in porta: 344 di cui 160 nello specchio, per i i partenopei, 324, di cui 153 nello specchio per   i bergamaschi.

Commenti