Gli interventi di Arturo Di Napoli, Giovanni Cobolli Gigli e Gigi Maifredi a “Il Sogno Nel Cuore”

Di Napoli a Il Sogno Nel Cuore” su 1 Station RadioSe il Napoli vuole fare qualcosa di importante non può lasciar partire Insigne e Koulibaly. Spalletti farà molto bene

Da calciatore ho girato lItalia da Nord a Sud, ora aspetto una chiamata da allenatore per un progetto importante. Il calcio di oggi è cambiato, bisogna avere pazienza ed aspettare il momento giusto – queste le parole di Arturo Di Napoli, ex calciatore, fra le tante, del Napoli e del Venezia, ai microfoni de Il Sogno Nel Cuore, trasmissione condotta da Luca Cerchione in onda dal lunedì al venerdì dalle 12:00 alle 13:00 su 1 Station Radio -. Napoli? Al primo turno incontrerà il Venezia, una neopromossa, arrivata in maniera sorprendente in Serie A vincendo i playoff. È una partita sicuramente alla portata degli azzurri, ma non bisogna perdere la concentrazione, perché perdere punti in queste sfide può incidere pesantemente. Il Venezia è tornato in Serie A dopo tanti anni, avrà entusiasmo e voglia di far bene. Le squadre piccole sicuramente non avranno giocatori impegnati con le Nazionali, quindi avranno avuto tutto il tempo per ricaricare le batterie per la prossima stagione. Calciomercato Napoli? De Laurentiis ha dichiarato che dovrà prima vendere per risanare il bilancio. Fabian ha sicuramente deluso ad Euro 2020, ma il suo valore resta immutato. Koulibaly è sicuramente uno dei più forti in circolazione nel suo ruolo, ma se il Napoli vuole competere a livelli importanti deve ripartire da questi due calciatori più Insigne, il quale ha mostrato tutte le sue qualità anche agli Europei. Spalletti ha a disposizione un organico importante e adatti alla sua idea di calcio. Sono convinto che sia un calciatore a fare grande un allenatore. Se i giocatori azzurri si rendono conto del loro potenziale, con Luciano potranno fare cose importanti. Se riusciranno a fare gruppo e seguire il mister, sono sicuro che il Napoli esprimerà un gran calcio. S. Inzaghi? Lui ha il compito più complicato, ripetere ciò che ha fatto Conte. Ha svolto un ottimo lavoro con Lazio, portandola a lottare sempre al vertice del campionato italiano. Troverò calciatori che combaciano con le sue idee. Non stravolgerà le linee di gioco viste la scorsa stagione, cosa che non accadrà con la Lazio. Sarri ha unidea di calcio totalmente diversa dallex allenatore biancoceleste. Salernitana? Sarà un campionato complicato per loro, in quanto è partita in ritardo in Serie A per tutti i problemi societari che conosciamo. Per le realtà con dei budget ristretti, bisogna muoversi con largo anticipo sul mercato per acquistare giovani di prospettiva.

Juventus, lex presidente Cobolli Gigli Il Sogno Nel Cuore” su 1 Station RadioJorginho da Pallone dOro, ma lo vincerà Messi. Nedved ha confermato Cr7 ma bisogna renderlo utile alla squadra. La società bianconera non ha più stile

La Nazionale ci ha regalato una bellissima emozione, ha portato in alto il nome dellItalia. Un po’ meno bello è stato lo spettacolo romano, con quellassembramento massiccio per i festeggiamenti.  Speriamo che non ci saranno conseguenze.Siamo stati costretti alla segregazione per un certo periodo di tempo, ed ora stiamo reagendo in maniera un po’ scomposta – queste le parole di Giovanni Cobolli Gigli, ex presidente della Juventus, ai microfoni de Il Sogno Nel Cuore, trasmissione condotta da Luca Cerchione in onda dal lunedì al venerdì dalle 12:00 alle 13:00 su 1 Station Radio -. Sicuramente, chi ha segnato e chi ha effettuato parate importanti allEuropeo, ora vale di più. Quello che più mi ha impressionato è litalo-brasiliano Jorginho. Pallone dOro? Io credo che dovrebbe meritarlo proprio il centrocampista del Chelsea, per ciò che ha vinto questanno e per i suoi valori espressi. Alla fine, però, credo lo vincerà di nuovo Messi. Jorginho ha una classe unica, prima dellEuropeo non lo conoscevo molto bene, lho visto giocare solo qualche volta nel Napoli e con i Blues. Calendario Serie A? Tutte le squadre dovranno sfidarsi fra di loro, ciò che mi interessa maggiormente è che la Juventus, con il ritorno di Allegri, torni a vincere. Nedved ha confermato Cristiano Ronaldo, ma bisogna renderlo utile alla squadra. Mi auguro che la società bianconera trovi la giusta collocazione al portoghese. Nedved? Le sue dichiarazioni lasciano il tempo che trovano. Ha una mancanza comunicativa notevole, dicono che sia pronto per essere addirittura vice presidente, ma non è nello stile Juventus avere un uomo con questo incarico di prestigio che prende a calci le bandierine. Mandare via Allegri è stato palesemente un errore, non andava fatto fuori. In seguito si è sperato nel miracolo di Sarri e del buon Pirlo. Io sono stato il primo a recriminare la Champions a Max, ma almeno lui è riuscito ad arrivare fino in fondo alla competizione per club più importante dEuropa rispetto ai suoi successori. Locatelli e Donnarumma? Mi sarebbe piaciuto avere in bianconero Gigio, come mi sarebbe piaciuto fidanzarmi con la Bellucci, ma questo purtroppo non è possibile. Se Allegri ha chiesto Locatelli è perché sa dove collocarlo a centrocampo. I rimpianti per Pjanic non li condivido, credo che fosse giunto il momento di salutarlo e ringraziarlo.

Gigi Maifredi a Il Sogno Nel Cuore” su 1 Station Radio: Spero che Adl ed i tifosi napoletani abbiano finalmente capito limportanza di Insigne. Il miglior allenatore in Serie A resta Allegri”

Se dovesse arrivare la chiamata giusta, vicino casa, sarei anche pronto ad accettare di tornare ad allenare – queste le parole di Gigi Maifredi, ex allenatore, fra le tante, di Genoa e Juventus, ai microfoni de Il Sogno Nel Cuore, trasmissione condotta da Luca Cerchione in onda dal lunedì al venerdì dalle 12:00 alle 13:00 su 1 Station Radio -. La vittoria dellItalia ha dato lesempio a tutto il mondo di quanto sia importante la coesione e lunione del gruppo. Nel calcio di oggi si parla troppo di schemi e tattiche, togliendo la fantasia a questo magnifico sport. Per me Messi è un fuoriclasse, mentre Ronaldo è il massimo della normalitàCR7 non ha la fantasia e la creatività dellargentino. Serie A calendario sfalsato? A livello giornalistico fa notizia, ma per le squadre non cambia nulla. Insigne? Mi aspetto un’altra stagione importante e determinante con il Napoli. Credo che ormai anche i tifosi partenopei, i quali in passato lo hanno criticato, ora si siano resi conto del reale valore del ragazzo. Con questa vittoria dellEuropeo credo che si sia consacrato definitivamente. Deve solo avere maggior consapevolezza di poter cambiare volto alle squadre. De Laurentiis deve essere il primo a dare il giusto gradimento allinterno della sua squadra per trattenere Lorenzo Insigne. Io lho conosciuto quando era a Pescara insieme a Verratti. La Nazionale Italiana ha avuto la fortuna di avere in contemporanea calciatori che hanno una certa confidenza con il pallone. Mondiale in Qatar?  Ho visto la finale tra Brasile ed Argentina e c’è tanta strada ancora da fare per competere con queste grandi nazionali. Cosa non mi è piaciuto dellItalia? Molti hanno criticato Immobile, che solo un anno fa ha vinto la scarpa doro, ed ha fatto un gran lavoro al servizio della squadra in questo Europeo.  Allenatori in Serie A? Sono tutti molto attenti alla tattica, escono tutti da Coverciano, ma il migliore per me resta Allegri. Lui non va a caccia di un gioco che possa piacere, ma va a caccia di vittorie. Mi aspetto molto da Dionisi. Italiano andrà alla Fiorentina in un contesto non ottimale, considerando che la Viola viene da due stagioni poco positive.

Commenti