Delio Rossi: “Zamparini appassionato, con lui grandi confronti”

L’ex allenatore del Palermo, Delio Rossi, è intervenuto quest’oggi a Febbre a 90, in onda su Vikonos Web Radio/Tv. Ecco le sue dichiarazioni:

“La scomparsa di Zamparini era una notizia che non avrei mai voluto mi fosse recapitata, il mio pensiero lo lego inevitabilmente alla prematura scomparsa del figlio. Il presidente era una persona appassionata, amava il calcio, devo dire che sono tra gli allenatori che sono rimasto più a lungo con Zamparini. Forse perché non lo assecondavo come altri, magari poi ne pagavo le conseguenze perché avevamo contrasti aspri.

Poi di calcio ne capiva: se penso ai vari Miccoli, Pastore, Cavani, Ilicic, Balzaretti, Hernandez, che ho allenato in rosanero… Zamparini era un esteta del calcio, e spesso per questo perdonava anche quei calciatori più talentuosi se facevano qualcosa di sbagliato…

Il campionato è allo snodo cruciale, è molto importante arrivare a marzo nel miglior modo possibile dopo il mercato di riparazione con gli scontri diretti. L’Inter ha anche la Champions, in questo mese affronta Milan, Napoli e Liverpool.

Il Napoli sta ribadendo la sua forza, c’è molto lavoro di Luciano Spalletti, che ha tenuto la barra dritta nel momento peggiore, si giocherà tanto adesso, ha una rosa molto forte e che se non dovesse essere sufficiente per lo scudetto, certamente – chiude Delio Rossi – basterà per arrivare in Champions”.

Commenti