Monti: “L’errore di De Guzman grave come quello di Di Liberatore sul fuorigioco”

Gianluca-Monti-GIANLUCA MONTI, giornalista de “La Gazzetta dello Sport”, è intervenuto a “NAPOLI MAGAZINE“, trasmissione radiofonica dedicata al Calcio Napoli, che approfondisce i tempi proposti sul web da NapoliMagazine.Com, in onda dal lunedì al venerdì, dalle 14.30 alle 16.00, su Radio Punto Zero, condotto da Michele Sibilla e Antonio Petrazzuolo. Ecco quanto ha affermato: “Non possiamo ridurre la sconfitta con la Juventus o i risultati altalenanti della stagione ad uno o più errori arbitrali. Premesso che il pareggio sarebbe stati risultato buono e giusto, ma l’errore di De Guzman dopo 18 minuti è almeno grave quanto quello di Di Liberatore sul gol di Caceres. Se analizziamo la partita, ancora una volta, non abbiamo visto grandi differenze, ma se allarghiamo gli orizzonti al campionato ed alle rose, non c’è partita. In fin dei conti possiamo discutere dell’impiego o meno di questo o quel calciatore, ma quando a centrocampo ti trovi di fronte Marchisio, Pirlo, Pogba e Vidal, ti rendi conto di quanta differenze ci siano ancora. Da Benitez mi aspettavo più tempestività nelle sostituzioni, anche se i cambi, credo, sull’esperienza di Doha, erano già stabiliti. La Lazio non è la meteora del campionato anche se le squadre di Pioli non sempre arrivano fino alla fine e anche la rosa non mi sembra pari a quella azzurra. Oggi però, stanno bene sia fisicamente che mentalmente, giocano un buon calcio e per questo, sono un brutto cliente. Il Napoli ha dalla sua due risultati su tre. Secondo me al posto di Britos giocherà Mesto perché Strinic non è ancora in linea con gli altri. Dal mercato non mi aspetto più niente, tranne se non si verifichi qualche uscita eccellente”.

Commenti
avatar

Tilde Schiavone

Sono una persona che riesce a star bene con se stessa solo se intorno a lei c' è armonia, questo è il motivo per cui cerco di risolvere i conflitti esistenti tra le persone che mi circondano;non amo i gioielli, specialmente quelli costosi, preferisco gli accessori di poco valore; non amo ricevere in regalo i fiori recisi: preferisco ammirarli nei giardini dove compiono il loro naturale ciclo vitale e non nei vasi dove hanno vita breve..Amo il blues,il canto del dolore, e il mio sogno è raggiungere un giorno quei luoghi che lo hanno visto nascere; Amo gli indiani d' america, la loro spiritualità e la loro cultura. non vivrei senza i dolci e la pizza. Sono campanilista, napolista, meridionalista ...maradonista. Adoro gli animali, ritengo che non siano loro le bestie e sono vegetariana. Non mi piace parlare, quel che sento preferisco scriverlo, so esprimermi meglio con una penna in mano anziché dinanzi a un microfono, amo inoltre il folclore della mia terra e cerco, attraverso l' Associazione Culturale Fonte Nova d cui sono Presidente, di preservarlo e diffonderlo ... e duclis in fundo AMO LA MIA NAPOLI, senza se e senza ma, ringrazio Dio perchè ha fatto sì che nelle mie vene scorresse il sangue del Sud!