Valdifiori a Napoli: via la clausola, c’è l’accordo

VALDIFIORIHa vinto il buonsenso e da ieri Mirko Valdifiori è un calciatore del Napoli. Anzi, ieri l’ex regista dell’Empoli ha raggiunto Napoli. Oggi sosterrà le visite mediche, poi partirà per le vacanze negli Stati Uniti. Appena tornato, si metterà a disposizione di Sarri per iniziare insieme al suo mentore l’avventura in azzurro.
PRIMO COLPO Guardando Valdifiori, De Laurentiis si è innamorato di Sarri. Eppure, a Napoli è arrivato prima il tecnico toscano e poi il centrocampista romagnolo. La trattativa per Valdifiori, iniziata ad aprile con un incontro tra De Laurentiis ed il presidente empolese Corsi, è stata lunga. Alla fine, però, è andata in porto non appena è stata tolta dal contratto la clausola che avrebbe permesso al Napoli di rivendere Mirko entro due anni a un qualsiasi altro club anche senza il suo consenso. Importante il lavoro di mediazione del d.s. in pectore Giuntoli e dell’agente del calciatore Giuffredi. Valdifiori ha firmato per quattro anni e guadagnerà dagli ottocentomila euro iniziali fino al milione di euro più i bonus. Sarà il perno della mediana del Napoli, ma anche l’uomo deputato a battere i calci di punizione (quest’anno ben sei assist da palle inattive, tanti quanti tutti gli azzurri di Rafa Benitez) che per il tecnico Maurizio Sarri rappresentano un’arma importante. Dopo questo primo colpo, il Napoli potrebbe aprire la prossima settimana chiamando Pepe Reina (altra idea primaverile del presidente De Laurentiis) per far firmare allo spagnolo il triennale che lo riporterà in Italia.
ALTRI OBIETTIVI Con l’Empoli gli affari potrebbero proseguire: Hysaj e Saponara restano nel mirino azzurro, ma manca ancora l’accordo sulle cifre. Il trequartista ex Milan è un’altra specifica richiesta di Sarri (mentre per il ruolo di terzino il Napoli valuta anche Vrsaljko del Sassuolo). Le esigenze primarie sono un centrale difensivo (Albiol potrebbe chiedere di andar via) e un mediano (Allan è sempre il primo obiettivo, più ancora di Soriano), in attesa di capire quale sarà il futuro di Jorginho. Per il brasiliano ci sarebbe un gentlemen agreement con il Verona: il Napoli dovrebbe riscattarlo, ma in questo momento l’ex d.s. azzurro Bigon non ha ricevuto ancora nessuna telefonata in tal senso.
AGENTI IN FERMENTO Qui nasce il problema che ieri è stato evidenziato dagli agenti di Mertens, Zuniga (protagonista in Copa America ma con il futuro tutto da scrivere), Insigne e dello stesso Jorginho. Ad oggi il Napoli non ha un punto di riferimento con il quale confrontarsi, oltre ovviamente a De Laurentiis che però è impegnatissimo negli acquisti. Giuntoli non è stato ancora ufficializzato, ma dovrà prendere presto la situazione in mano e gestire al meglio i casi più spinosi. Su tutti quello di Mertens. Soren Lerby, che cura gli interessi del belga, ha chiesto un incontro al Napoli per capire quali sono le prospettive per il suo assistito. In Inghilterra parlano dell’interesse del Liverpool per Mertens, una indiscrezione di cui tenere conto. Una eventuale partenza, spalancherebbe le porte all’ipotesi Saponara sulla trequarti mentre in attacco Zapata è sul punto di lasciare Napoli. Lo vogliono Sampdoria ed Udinese in Italia, ma occhio alle richieste estere (in particolare all’Olympiacos). Si attendono, infine, notizie dal Torino circa l’intenzione dei granata di riscattare El Kaddouri (la cifra prefissata è di 4,5 milioni ma Petrachi vorrebbe uno sconto). Con Crotone e Lecce si parlerà dei giovani Maiello (verrà riscattato dai calabresi), Dezi e Luperto.

La Gazzetta dello Sport

Commenti