Napoli, tornano i titolarissimi per l’esame Udinese

NAPOLI – Il Napoli non ha alternative. E’ la (dolce) condanna delle squadre che lottano per il vertice. Gli azzurri devono cancellare lo 0-0 di Marassi con il Genoa domani alle 18 contro l’Udinese. Per Maurizio Sarri è un chiodo fisso e ha alzato l’asticella della concentrazione già giovedì sera dopo il 5-0 rifilato al Midtjylland. “Ci aspetta un’altra gara difficile”, ha ribadito preferendo la solita vigilia di silenzio. Niente conferenza e massima attenzione nella preparazione della partita. Gli azzurri vogliono vincere e magari sfruttare eventuali passi falsi delle dirette concorrenti: la Roma è impegnata nel derby contro la Lazio, Inter e Fiorentina, invece, sono attese da due trasferte delicate contro Torino e Sampdoria.

LE SCELTE – Il match di Europa League ha ampliato di fatto il ventaglio delle possibilità a disposizione dell’allenatore. Ma domani difficilmente ci saranno deroghe agli undici titolarissimi. Sarri si affiderà alla migliore formazione considerando anche il turnover effettuato contro i danesi.

TRE RIENTRI IN DIFESA – Hysaj e Ghoulam riprenderanno il posto sugli esterni. Al centro, invece, staffetta tra Chiriches e Albiol: sarà lo spagnolo ad affiancare Koulibaly che sta vivendo un grande momento di forma.

L’EX ALLAN FARO IN MEDIANA – Il brasiliano affronterà l’Udinese che lo ha lanciato nel grande calcio. E’ diventato in poco tempo indispensabile nei meccanismi di Sarri. Hamsik e Jorginho completeranno il terzetto.

MERTENS RECUPERA, MA GIOCA INSIGNE – Dries Mertens è nell’elenco dei convocati. Il belga si accomoderà in panchina. Giocherà, infatti, Lorenzo Insigne, tra i migliori in Europa League contro il Midtjylland assieme a Callejon, alla ricerca del primo gol in campionato. Il punto di riferimento centrale sarà Gonzalo Higuain.

IN TRENTACINQUEMILA SUGLI SPALTI – Buona la prevendita per il match di domani. Saranno circa in trentacinquemila i tifosi che si accomoderanno in tribuna per il match con l’Udinese.
 

ssc napoli

serie A
Protagonisti:

Fonte: Repubblica

Commenti

Questo articolo è stato letto 283 volte