PALLAVOLO – Luvo Barattoli Arzano supera Isernia

LUVO BARATTOLI ARZANO    3
EUROPEA ’92 ISERNIA               1
(25-22; 25-20; 22-25; 25-22)
Luvo Barattoli Arzano: Campolo 18, Rinaldi (L), Vinaccia 14, Coppola 1, Sollo 13, Lauro 16, Maresca 17, Pinto. Non entrate: Longobardi, Russiello, Seggiotti, Galiero. All. Caliendo
Europea ’92 Isernia: Padua 12, Trevisol , Muzzo 13, Monitillo 2, Taddei 9, Vanni 12, Giroldi 1, Boffa (L),  Morone 14. Non entrate: Bernava, Tomassetti. All. Montemurro
Arbitri: Barbara Bonafiglia e Stanislao Supino di Avellino
Note. Durata set: 28’; 25’; 26’. Battute sbagliate: Arzano: 7; Isernia: 3. Battute punto: Arzano: 3; Isernia: 2. Spettatori: 300 circa.

ARZANO – La Luvo Barattoli Arzano si sbarazza dell’Europea ’92 Isernia e riprende la marcia giusta in campionato. Occorreva una prova maiuscola per dimenticare la caduta di Marsala ed il sestetto molisano è stata l’occasione giusta, anche se la vittoria non è stata agevole.
“Un’affermazione che ci voleva –racconta Luciana Lauro raggiante per i 16 punti messi a segno- ci siamo sbloccate dopo la caduta di Marsala e dovevamo riprendere a vincere. Tre punti che fanno tanto morale e ci fanno riprendere la marcia giusta. Ci volevano proprio. Abbiamo dimostrato che dopo un momento negativo si può ripartire immediatamente”.
Luvo Barattoli Arzano salutoSi parte con Isernia in vantaggio nel corso del primo set. La squadra di Montemurro gioca in maniera raccolta e riesce a sbagliare poco. Recupera lo svantaggio iniziale e tiene sotto controllo le padrone di casa. Con le buone giocate di Muzzo e Taddei riesce anche ad accumulare un vantaggio di tre lunghezze (9-12).
Anche contro la penultima della classe occorre recuperare grinta e concentrazione per recuperare lo svantaggio. Ci provano a lungo le arzanesi a partire dal secondo time out tecnico (12-16).
L’Arzano riesce a farsi sotto nella parte più delicata del match. Incoraggiata dal pubblico trova i numeri necessari per recuperare i quattro punti di svantaggio e a riaprire la partita recuperando la parità con Dora Sollo (21 pari).
Montillo per Trevisol nelle fila ospiti non basta a frenare la squadra di casa. Ci pensa proprio Sollo a mettere a terra la penultima palla. Finisce 25-22.
Secondo set praticamente a senso unico. Le padrone di casa sono determinate mentre le ospiti sembrano aver finito la benzina. Solo nella seconda parte della frazione le padrone di casa tirano un po’ i remi in barca e le ospiti ne approfittano per recuperare qualche punto.  Chiude Maresca (5 punti nel secondo set) 25-20.
Ancora note dolenti nella terza frazione lasciata alle ospiti. La squadra di Montemurro non si dà per vinta ed ha ragione sulle padrone di casa che forse credevano di aver già vinto. Molisane avanti (15-19) e coach Caliendo costretto a bloccare il tempo a ridosso della fase calda del parziale. Vinaccia autentica protagonista di questo scorcio. Per due volte riporta la Luvo Barattoli a un punto dal pareggio (22-23) ma qualcosa va sempre storto. Prima un muro di Campolo che termina fuori e poi una palla incerta lasciata cadere a terra: 23-25 si continua.
“Isernia è una squadra –commenta Lauro- che se la lasci giocare ti può fare brutti scherzi e lo ha dimostrato nel terzo set. Non appena è calata la nostra tensione non hanno avuto problemi a metterci in difficoltà e vincere il set” conclude Luciana.
Cambiato il campo, la Luvo Barattoli riprende fra le mani le redini dell’incontro. Con piccoli break assestati qua e la nel corso del parziale, si accumula il vantaggio necessario per chiudere la partita con serenità (22-15). Tocca a Sollo chiudere la gara al terzo tentativo: 25-22.

Commenti

Questo articolo è stato letto 717 volte