Mutti: “Il Napoli deve giocare come sa non preoccupandosi dell’ avversario”

muttiBORTOLO MUTTI, ex allenatore di Napoli e Palermo è intervenuto a FUORI GARA su Radio Punto Zero :”Non è facile lavorare con Zamparini. Questa, per il Palermo, è una stagione molto difficile. Spesso il presidente esagera per vedere qual è la reazione della sua squadra. Con l’Inter credo abbia giocato una buona partita. Iachini sta giocando a livello di testa, sta lavorando sull’orgoglio dei suoi. A Palermo nessuno si aspettava un campionato così difficile. Ogni partita ha le proprie insidie, non è mai facile vincere agevolmente in Serie A. Il Napoli è una forza importante, non deve preoccuparsi più di tanto dell’avversario, deve giocare come sa. Contro il Chievo mi sono divertito tanto per il gioco espresso dagli azzurri. I giocatori in campo si divertono col giusto spirito di squadra. Ognuno mette la propria individualità al servizio del gruppo. Vazquez? Non ha ancora espresso tutto il suo potenziale. Quest’anno sta soffrendo con tutta la squadra, ma è un giocatore di talento, a Napoli potrebbe far bene. Di sicuro merita il salto di qualità. A Palermo chiedono soprattutto la fantasia, ma in una squadra come il Napoli devi anche sacrificarti tanto. Ricordo la partita di Higuain col Chievo, parliamo di un centravanti immenso per disponibilità, generosità, applicazione ed altruismo: per arrivare a questi livelli bisogna crescere anche caratterialmente. Gabbiadini? Mi dispiace per questa situazione, deve farsene una ragione ma deve continuare a lottare per trovare spazio. In questo momento giocare nel Napoli è un grande privilegio. Quando l’ho fatto esordire all’Atalanta giocava come esterno atipico. Lo considero più una seconda punta, non è abilissimo nel dribbling ma è molto potente e vede la porta”.

 

 

Commenti

Questo articolo è stato letto 561 volte

avatar

Tilde Schiavone

Sono una persona che riesce a star bene con se stessa solo se intorno a lei c' è armonia, questo è il motivo per cui cerco di risolvere i conflitti esistenti tra le persone che mi circondano;non amo i gioielli, specialmente quelli costosi, preferisco gli accessori di poco valore; non amo ricevere in regalo i fiori recisi: preferisco ammirarli nei giardini dove compiono il loro naturale ciclo vitale e non nei vasi dove hanno vita breve..Amo il blues,il canto del dolore, e il mio sogno è raggiungere un giorno quei luoghi che lo hanno visto nascere; Amo gli indiani d' america, la loro spiritualità e la loro cultura. non vivrei senza i dolci e la pizza. Sono campanilista, napolista, meridionalista ...maradonista. Adoro gli animali, ritengo che non siano loro le bestie e sono vegetariana. Non mi piace parlare, quel che sento preferisco scriverlo, so esprimermi meglio con una penna in mano anziché dinanzi a un microfono, amo inoltre il folclore della mia terra e cerco, attraverso l' Associazione Culturale Fonte Nova d cui sono Presidente, di preservarlo e diffonderlo ... e duclis in fundo AMO LA MIA NAPOLI, senza se e senza ma, ringrazio Dio perchè ha fatto sì che nelle mie vene scorresse il sangue del Sud!