Juventus-Empoli 2-0, Mandzukic e Alex Sandro stendono gli azzurri

TORINO – Con il minimo sforzo la Juve sbriga la pratica Empoli e aggiunge un altro tassello al lastricato che la sta conducendo verso il 6° scudetto di fila. Pur senza impressionare, la squadra di Allegri si conferma una macchina perfetta: 9/a vittoria consecutiva (11/a allo Stadium) tra coppe e campionato, 30/a davanti al proprio pubblico in serie A. Numeri impressionati che da soli fanno capire perché in Italia i bianconeri sono senza rivali. Curiosamente è stata una partita molto simile all’andata. I bianconeri hanno sofferto un tempo l’accorto schieramento della squadra di Martusciello ma poi, una volta in vantaggio, hanno camminato sul velluto chiudendo immediatamente i conti.

ALLEGRI VARA IL 4-3-3 – In vista dell’imminente semifinale di coppa Italia con il Napoli, Allegri ha cambiato 6 uomini nella squadra scesa in campo ad Oporto inserendo Neto, Dani Alves, Bonucci, Rugani, Marchisio e Sturaro al posto di Buffon, Lichtsteiner, Barzagli, Chiellini, dell’indisponibile Khedira e di Dybala. Non solo: ha cambiato anche modulo proponendo il 4-3-3 con Marchisio regista e il duo Sturaro-Mandzukic a completare la catena di sinistra. Martusciello ha risposto cambiando due pedine nella squadra sconfitta dalla Lazio: fuori Croce e Maccarone, dentro Mauri e Marilungo.

LE PAGELLE

JUVE BLOCCATA NEL PRIMO TEMPO – La Juve ha sciupato subito un paio di occasioni con Higuain e Mandzukic e si è un po’ fermata, pensando di andare comunque incontro a una facile passeggiata. Invece col passare dei minuti l’Empoli, mai disordinato, si è chiuso meglio e ha costretto i bianconeri a faticare per trovare varchi. Non riuscendo a sfruttare le fasce, la Juve ha cercato di sorprendere gli azzurri con i tagli dalla trequarti per l’inserimento di Mandzukic. Ma il croato non ha trovato il guizzo giusto per colpire. La migliore occasione l’ha sciupata al 31′ perdendo l’attimo giusto per la battuta a rete dopo aver saltato anche Skorupski in uscita.
 

UN AUTOGOL SPIANA LA STRADA ALLA JUVE – Malgrado l’inatteso 0-0 all’intervallo, la Juve non si è spazientita e, nella ripresa, dopo aver fatto le prove generali con un altro duetto sull’asse Mandzukic-Higuain, è passata (52′), anche con un pizzico di buona sorte: l’ennesimo cross dalla destra, stavolta di Cuadrado, ha pescato in mezzo Mandzukic che di testa ha colpito prima la traversa e poi il petto di Skorupski che, da terra, si è sfortunatamente infilato il pallone nella propria porta.

ALEX SANDRO CHIUDE I CONTI – La Juve si è scrollata di dosso ogni timore e al 65′ ha definitivamente chiuso i conti con Alex Sandro che, smarcato in area da Dani Alves, ha segnato una rete da grande attaccante con un bel sinistro in girata dopo una bella difesa del pallone spalle alla porta. La partita è finita qui. Anche perché l’Empoli si è rassegnato e la Juve non si è ostinata con cattiveria alla ricerca del 3-0. L’occasione migliore l’ha avuta nel finale il subentrato Dybala che non ha trovato per un nulla il secondo palo con un sinistro a giro dal limite. Ma con Napoli, Porto e Milan all’orizzonte, è bene che il gol lo tenga in serbo per uno dei prossimi importanti impegni.

JUVENTUS-EMPOLI 2-0 (0-0)
Juventus (4-2-3-1): Neto, Dani Alves, Bonucci, Rugani, Alex Sandro, Marchisio (34′ st Rincon), Pjanic, Cuadrado (40′ st Pjaca), Mandzukic, Sturaro (29′ st Dybala), Higuain. (1 Buffon, 32 Audero, 3 Chiellini, 4 Benatia, 15 Barzagli, 18 Lemina, 20 Pjaca, 22 Asamoah, 26 Lichtsteiner). All.: Allegri.
Empoli (4-3-1-2): Skorupski, Laurini (25′ st Veseli), Bellusci, Costa, Pasqual, Mauri (32′ st Buchel), Diousse, Krunic, El Kaddouri, Marilungo (25′ st Thiam), Pucciarelli. (23 Pelagotti, 3 Zambelli, 4 Dimarco, 7 Maccarone, 11 Croce, 17 Zajc, 19 Barba, 24 Cosic, 88 Tello). All.: Matrusciello.
Arbitro: Mariani di Aprilia.
Reti: nel st, 8′ Skorupski (autorete), 20′ Alex Sandro.
Angoli: 3-1 per la Juventus.
Recupero: 0′ e 4′.

juventus

serie A
empoli calcio
Protagonisti:

Fonte: Repubblica

Commenti

Questo articolo è stato letto 293 volte