Gli interventi di Umberto Chiariello, Attilio Tesser e Stefano Pontoni a Radio Punto Zero

UMBERTO CHIARIELLO, giornalista di Canale 21, è intervenuto a “Fuori Gara”, trasmissione dedicata al Calcio Napoli in onda su Radio Punto Zero, dal lunedì al venerdì, dalle 13.30 alle 15.00, condotta da Michele Sibilla e Fabio Tarantino. Ecco quanto ha affermato: “Non so se arriverà il rinnovo di Reina, mi auguro possa essere prolungato fino al 2019 e non oltre, lo spagnolo servirà per un’altra stagione. Seguo Meret da quattro anni e sapete perché? Quando l’Udinese decise di cedere Scuffet in Spagna, l’ex azzurro Carnevale mi rivelò che loro puntavano già su Meret, ritenuto più forte. Ricordo Meret in Primavera contro il Milan di Petagna ed El Shaarawy, aveva 16 anni e fece grandissime parate. Parliamo di un ragazzo serio, di qualità, mancino, con doti tecniche mostruose. A 12 anni il Napoli poteva acquistare Donnarumma per 50mila euro ma non l’ha fatto. Con Meret sarà il prossimo fenomeno del calcio mondiale. Quest’anno non m’interessa nulla di mercato, voglio solo arrivi un grande portiere come Meret con la conferma di tutti”. 
 
ATTILIO TESSER, allenatore della Cremonese, è intervenuto a “Fuori Gara”, trasmissione dedicata al Calcio Napoli in onda su Radio Punto Zero, dal lunedì al venerdì, dalle 13.30 alle 15.00, condotta da Michele Sibilla e Fabio Tarantino. Ecco quanto ha affermato: “Abito a Udine e tanti amici mi hanno parlato benissimo di Meret, l’unico dubbio è che la conferma è sempre difficile per i giovani. Il Napoli farebbe bene a blindare Reina dando la possibilità a questo giovane di crescere alle sue spalle. Hamsik ha dato una dimostrazione straordinaria di attaccamento alla maglia. Il Napoli si basa anche su valori molari, non solo tecnici. Il cuore sarà fondamentale per colmare il gap con la Juve. Insigne jr? Sta facendo la sua strada, sono tappe naturali di un percorso. Ha tante qualità e potrà esplodere al più presto, è solo questione di testa. E’ un ragazzo tranquillo, straordinariamente simpatico, ad Avellino non ha dato segni di soffrire il cognome, anzi era fiero di avere un fratello così importante, era per lui uno stimolo in più. Avrebbe bisogno di un altro anno di maturità in una big di serie B o in una medio piccola in Serie A”. 
 
STEFANO PONTONI, giornalista di TuttoUdinese.it, è intervenuto a “Fuori Gara”, trasmissione dedicata al Calcio Napoli in onda su Radio Punto Zero, dal lunedì al venerdì, dalle 13.30 alle 15.00, condotta da Michele Sibilla e Fabio Tarantino. Ecco quanto ha affermato: “Meret è un predestinato, tutti ne hanno parlato sempre bene, in futuro sarà con Donnarumma il punto fermo della nazionale. Ovviamente è difficile, oggi, capire se possa essere già pronto per il Napoli e per la Champions. Tecnicamente è molto più forte di Scuffet, è rapido tra i pali e in uscita, ricorda il primo Buffon. Ha grosse ambizioni, vuole già andar via perché sta passando, per lui, un treno importante. La trattativa esiste ma ci vorrà tempo, vanno incastrati diversi tasselli. Napoli e Udinese ne stanno discutendo per trovare la formula più adatta, i bianconeri chiedono 20-22 milioni, in ballo anche Widmer, una punta in bianconero e Allan che piace al Watford. I prossimi talenti dell’Udinese in vetrina saranno Samir, Jankto, Fofana e De Paul”.
Fonte: Radio Punto Zero
Commenti

Questo articolo è stato letto 957 volte