Ancelotti, faccia a faccia con la squadra: patto per la Champions e squadra rivoluzionata

Macché contraccolpo, la grande amarezza per il passo falso con il Chievo si sta già trasformando in una motivazione in più. «Contro la Stella Rossa di Belgrado vedremo certamente un altro Napoli», ha promesso con un rassicurante sorriso Carlo Ancelotti, a cui è bastato guardare i suoi giocatori negli occhi per voltare subito pagina.
Nessun processo, ieri mattina, alla ripresa della preparazione a Castel Volturno. L’allenatore ha parlato per qualche minuto con la squadra e si è limitato a sottolineare gli errori commessi nei 90’ di domenica pomeriggio, senza peraltro calcare troppo la mano nei confronti del suo gruppo. Non ce n’era obiettivamente alcun bisogno, del resto. Gli azzurri hanno infatti già recitato il doveroso mea culpa e non vedono l’ora di riscattarsi sul campo, con dietro l’angolo il decisivo appuntamento di domani sera (ore 21) in Champions League, davanti ai 45 mila tifosi annunciati per il gran galà allo stadio San Paolo. Questa volta non ci saranno alternative alla vittoria e sarà dunque proibito sbagliare, con a portata di mano una fantastica e inattesa qualificazione anticipata per gli ottavi di finale, che avrebbe una portata storica e entrerebbe di diritto nel libro d’oro del club. Anche per questo ha poco senso recriminare troppo sul pareggio con il Chievo: al di là dell’inevitabile rammarico per un passo falso che si poteva e doveva evitare. Ma ormai il danno è stato fatto e il Napoli ha adesso solamente un modo per riscattarsi e farsi perdonare dai suoi tifosi: battere la Stella Rossa a Fuorigrotta, sperando che alla fine arrivino delle buone notizie pure dall’altra sfida del girone, tra Paris Saint Germain e Liverpool.
In Champions è già arrivata l’ora della resa dei conti, a differenza del campionato. Il primo a saperlo è Ancelotti, che infatti ha invitato tutti a non pensare al ritardo aumentato in classifica dalla Juve: -8. «I conti li faremo alla conclusione del girone d’andata e le nostre ambizioni non sono cambiate dopo la frenata di domenica». Il tempo per tentare la rimonta c’è, insomma, nella lunga e difficilissima volata per lo scudetto. In Europa invece serve solo vincere e a Castel Volturno la consapevolezza di essere davanti a un bivio è generale. L’attenzione si è dunque spostata subito e doverosamente sulla sfida di domani contro la Stella Rossa, che il Napoli preparerà con la rabbia in più accumulata nei 90’ contro il Chievo. Ancelotti ripristinerà anche il ritiro prima della partita, annullato sabato scorso per volontà del tecnico e pure per un meeting di modelle organizzato nello stesso hotel che ospita gli azzurri. Dopo la rifinitura di oggi pomeriggio, invece, gli azzurri resteranno regolarmente a Castel Volturno e inizieranno il conto alla rovescia per la gara più importante di quest’avvio di stagione. Molte e scontate le novità nella formazione titolare, che sarà dotata di un motore tutto nuovo con i rientri dal primo minuto a centrocampo di Allan, Hamsik e Fabian. Occorrono forze fresche per sfondare il bunker dei serbi, che all’andata a Belgrado si rivelò invulnerabile. Sei i cambi alle porte, con Ospina, Mario Rui e Maksimovic in rampa di lancio. In Champions non si può sbagliare.

Fonte, Repubblica Napoli

Commenti

Questo articolo è stato letto 624 volte