Gli interventi di Gianni Di Marzio, Antonio Corbo, Giampiero Galeazzi e Beppe Bruscolotti a Radio Marte

A Radio Marte, nel corso di ‘Marte Sport Live’, è intervenuto Gianni Di Marzio, allenatore

“Ancelotti è un allenatore tatticamente poliedrico, ha ruotato molto la rosa ma in realtà non gioca col 4-4-2 autentico perché Insigne si muove dietro un unica punta. La fase difensiva è più protetta e il gioco è pragmatico: Ancelotti non si discute, ha vinto in tutto il mondo.

I giocatori accostati al Napoli hanno caratteristiche da 4-4-1-1: mollato Kouamé, il preferito è Lozano che può giocare dietro Milik come Insigne. Lobotka è maturo per un centrocampo a due. L’anno prossimo Ancelotti continuerà con questo modulo, ha convinto i calciatori ad adattarsi.”

A Radio Marte, nel corso di ‘Marte Sport Live’, è intervenuto Antonio Corbo, giornalista

“Il Napoli di Sarri e quello di Ancelotti non sono comparabili: il primo ricorda una squadra di Zeman, esaltando un gioco a memoria, riprodotto in campo dopo dure sessioni di allenamento; il secondo bada più al sodo. Ancelotti attua un gioco in movimento, continui cambi di ruolo.

Il Napoli punta al profitto economico, De Laurentiis resta un imprenditore ma mantiene risultati sportivi importanti.”

A Radio Marte, nel corso di ‘Marte Sport Live’, è intervenuto Giampiero Galeazzi, giornalista

“Lo scudetto del Napoli è stato il momento più alto della mia carriera, trasmettere la festa dallo spogliatoio azzurro è stato storico. Maradona mi insultò perché non gli lasciai il microfono.

La Lazio? Ha sempre giocato grandi campionati fino al girone d’andata, fino all’anno scorso giocava il miglior calcio insieme al Napoli. Gli azzurri stanno facendo il salto di categoria, a differenza della Lazio. Il Centro Sud è all’altezza della situazione, anche se ci odiano tutti: per questo dobbiamo compattarci.”

A Radio Marte, nel corso di ‘Marte Sport Live’, è intervenuto Beppe Bruscolotti, ex calciatore del Napoli: “La programmazione di fine stagione determinerà le possibilità del Napoli di raggiungere lo scudetto in futuro.

Koulibaly? È nei primi 5 al mondo, forse nei primi 3. A me piace molto Godin che sta andando all’Inter, sarebbe però ideale per sostituire Koulibaly.”

Commenti

Questo articolo è stato letto 449 volte