Napoli, Kvaratskhelia: “Qui vivono di calcio. L’esultanza? Per i commenti negativi”

Ci ha messo poco a farsi conoscere. Giusto qualche settimana e Khvicha Kvaratskhelia è passato dall’essere oggetto misterioso a rivelazione della nuova Serie A. L’attaccante georgiano classe 2001 ha fatto parlare i numeri: 6 gol e 5 assist in 12 partite di campionato, 5 partite, 2 gol e 3 assist in Champions League. Così è diventato idolo dei napoletani.

E dei primi mesi in Italia Kvaratskhelia ha parlato in un’intervista rilasciata a Gt e Crocobet: “I tifosi mi mostrano tanto affetto e quando mi incontrano mi chiedono le foto. Tutto l’amore che sento devo restituirlo quando gioco. È una grande responsabilità. Qui a Napoli tutti vivono di calcio. L’unico problema è che ancora non ho imparato l’Italiano, dopo gli allenamenti spesso non si hanno le capacità e le forze, ma quando posso seguo delle lezioni online”.

Su Spalletti: “Il mister è una brava persona e un grande allenatore. Anche i miei compagni sono forti, la nostra squadra è una grande famiglia, c’è una bella atmosfera in squadra. Giocare al Napoli e allo stadio ‘Maradona’ significa molto per me. La prima volta che scesi in campo in questo stadio provai una grandissima emozione. Essere qui mi rende un calciatore a tutti gli effetti”.

GianlucaDiMarzio.com

Commenti