Colpaccio della Strega che supera il Parma con un gol di Forte. Paleari blinda la porta

Il lunch match del “Tardini” vede un Parma senza Delprato ma con il recupero di Sohm che parte dalla panchina. A centrocampo Juric vince il ballottaggio con Estevez. Nel Benevento, invece, Cannavaro deve fare a meno di Leverbe e La Gumina oltre agli infortunati Ciano, Veseli e Vokic. Dopo la squalifica torna a disposizione Karic, ma importante sarà il contributo del polacco Glik, reduce dall’ esperienza ai Mondiali in Qatar. È una sfida che i ducali vogliono vincere per dare continuità alla prestazione contro il Cagliari. Di fronte c’è una Strega con una classifica preoccupante che bisogna iniziare a muovere.

Queste le formazioni iniziali: 

Parma con Chichizola in porta, Hainaut, Osorio, Valenti, Oosterwolde in difesa. Juric e Bernabè in mediana. Attacco con Man, Vasquez e Mihaila a supporto di Inglese.

Risponde il Benevento con Paleari tra i pali e linea difensiva formata da Letizia, Glik, Capellini e Masciangelo. Centrocampo con Improta, Schiattarella e Karic. In attacco Tello e Farias a supporto di Forte.

Match valido per la 16^ giornata del campionato di serie B.

Arbitra il signor Gariglio di Pinerolo

La gara

Il Benevento si fa vedere pericolosamente al 12′ con un tiro di Forte che termina a lato. Insiste la Strega con un colpo di tacco di Improta al 17′, ma Chichizola blocca. Aumenta la pressione del Benevento: al 18′ diagonale di Farias di poco fuori.

Ammonito Valenti nel Parma al 19′, reo di un fallo su Karic. Il gol è nell’ area e arriva al 20′ con Forte che gira in rete un assist di Farias.  Al 25′ Pecchia è costretto a sostituire Mihaila con Tutino per infortunio. Destro a giro di Tutino al 29′ che impegna Paleari, poi è Masciangelo a chiudere sul tiro di Vasquez. Richiamato dal Var l’arbitro concede il rigore al Parma per un fallo di mano di Masciangelo. Restano i dubbi per un pallone che prima di toccare il braccio carambola sulla gamba.

Al 34′ dal dischetto va Vasquez ma è superbo Paleari, che prima para il penalty e poi si oppone al tap in di Inglese, che ha la possibilità di concludere nuovamente ma il palo gli dice no.  Al 38′ Vazquez calcia incredibilmente fuori all’altezza del dischetto del rigore. Esce Letizia per infortunio al 44′. Al suo posto entra  El Kaouakibi. Sei i minuti di recupero concessi al Tardini, che chiudono un primo tempo di grandi emozioni.

Nella ripresa il Parma si presenta in campo con Benedyczak e Bonny al posto di Inglese e Juric. Ducali ultra offensivi. Spinge il Parma e al 52’ è Vazquez che impensierisce Paleari da posizione angolata, ma l’estremo difensore riesce a deviare il pallone in angolo. Il Benevento manda in campo Koutsoupias al posto di Tello e Acampora per Improta al 57’.  Al 60’ Koutsoupias non aggancia bene un cross di Schiattarella. Sarebbe stata un’ottima opportunità per la Strega. Ammonito Bonny al 69’ che stende Schiattarella. Al 74’ Pecchia mette dentro anche Estevez al posto di Man. Conclude dalla distanza Acampora che impegna in due tempi Chichizola al 75’. All’ 80’ l’arbitro va a vedere il Var per un intervento di El Kaouakibi su Estevez ed estrae il rosso per il calciatore del Benevento.

Strega in dieci. Giallo per Vazquez che commette fallo su Schiattarella all’83’. Doppio cambio nel Benevento: all’ 85′ entrano Pastina e Foulon per Farias e Masciangelo. Replica il Parma con l’ingresso di Sohm che rileva Hainaut all’86’. Momento caldo della gara. Tutto il Parma in avanti ma difende bene il Benevento. Paleari allontana un tiro cross di Estevez all’88’. Sono sei i minuti di recupero concessi dall’arbitro. Ammoniti Karic e Koutsoupias al 93′ e 94′: il primo per perdita di tempo e il secondo per proteste. Al 96′ Bernabè conclude di poco a lato sugli sviluppi di un angolo. Ammonito anche Pastina per un duro intervento su Vazquez. Grande vittoria del Benevento che ottiene tre punti fondamentali per la classifica.

Commenti
avatar

Claudio Donato

Claudio Donato, giornalista-pubblicista. Al suo attivo già diverse collaborazioni con varie testate giornalistiche.