L’Inter alza il muro, basta Medel: Roma battuta a San Siro

INTER-ROMA 1-0
30′ Medel

Guarda la cronaca del match

GUARDA LE PAGELLE

Ha vinto sicuramente la squadra più concreta. Difficile dire chi delle due abbia dimostrato di essere la più forte. Certamente Inter e Roma hanno caratteristiche diverse e i risultati danno ragione alle scelte di Mancini anziché a quelle di Garcia. I nerazzurri vincono il primo scontro diretto in quella che potrebbe essere una sfida scudetto e ridimensionano una Roma che era arrivata a San Siro con l’obiettivo di conquistare i tre punti. Il primo gol in serie A di Medel dà ragione all’atteggiamento tattico voluto dal suo allenatore, senza Icardi, con Ljajic, dnque senza riferimenti offensivi statici e con l’obiettivo di chiudere le linee di passaggio per cercare di ripartire. Durante la prima mezz’ora, non esaltante dal punto di vista del gioco, è sembrata la Roma la squadra ad avere maggiori possibilità, ma dopo il vantaggio sigato dal centrocampista cileno l’Inter si è compattata, moltiplicando le forze intorno ai suoi due baluardi difensivi Miranda e Murillo e ha mantenuto il minimo vantaggio fino alla fine.

E’ stato nel secondo tempo che la Roma ha tentato di accelerare portando avanti i terzini Florenzi e Digne troppo timidi nei primi 45′. Salah è parso meno lucido del solito e Dzeko ha dovuto fare a sportellate con Murillo, sempre preciso in ogni chiusura. Il resto lo ha messo in campo Handanovic che in un minuto e mezzo è riuscito a salvare la porta nerazzurra per ben quattro volte.

L’espulsione (per doppio giallo) di Pjanic a metà secondo tempo ha irrimediabilmente condizionato un tentativo di rimonta già di per sé difficile in parità numerica, impossibile in inferiorità data la solidità difensiva mostrata dall’Inter. A San Siro la spunta Mancini al comando di una squadra non di certo spettacolare e propositiva ma molto solida e cinica. D’altronde l’Inter vince la sesta partita su undici gare giocate con il punteggio di 1-0. La Roma torna a casa superata in classifica e con la consapevolezza di dover fare di più per poter ambire a qualcosa di grande.

Fonte: SkySport

Commenti