Beppe Accardi: “Il Napoli dà fastidio perché ha chiuso il girone di andata da primo in classifica”

accardiA Radio Crc nel corso di “Si Gonfia la Rete” di Raffaele Auriemma è intervenuto Beppe Accardi, agente FIFA

“Dopo ieri sera, il calcio in Italia è diventato show, spettacolo e basta. Da oggi in poi in ogni partita se si sente tutto ciò che accade in campo i giocatori dovranno essere tutti squalificati. E poi, diciamoci la verità, quante volte utilizziamo nel nostro quotidiano il termine frocio o finocchio. Il mio sospetto è quello che hanno tutti e già dissi a Sarri che quando inizierà a dare fastidio, avrà dei problemi. Stamattina leggevo che il tecnico azzurro rischia una squalifica importante e addirittura si parla di razzismo e allora mi devono arrestare viste le espressioni che utilizzo. Ma un conto è utilizzare certe espressioni e un altro è parlare di razzismo, si esagera. 

Il Napoli dà fastidio perché ha chiuso il girone di andata da primo in classifica, davvero fa paura agli avversari e le concorrenti al titolo hanno bisogno di studiare a tavolino qualsiasi cosa che crei problemi. I toni si sono esasperati perché c’è una corsa alla vittoria. 

Ieri nonostante le riserve, ho visto un ottimo Napoli che non ha vinto, ma ha dimostrato di avere in panchina calciatori importanti. Il Napoli è vicino a raggiungere un sogno, ma siccome gli interessi sono tanti, le grandi squadre devono pensare a risolvere il problema Napoli. Il nervosismo che c’era in panchina ieri non era normale e questo perché l’Inter è la squadra che ha speso più di tutti, l’allenatore ha subito tantissimi attacchi visto il modo con cui faceva giocare la squadra e a fine girone di andata si è ritrovato dietro le altre vivendo così un momento di grande tensione. 

Creare un problema a Sarri significa crearlo al Napoli ed è stato fatto per provare a spostare gli equilibri del campionato. Sarri ha sbagliato non nell’espressione perché tutti le diciamo, ma deve stare attento a capire dove sono le trappole e non caderci dentro”. 

Il presente comunicato è stato inviato da Crc. Si declina ogni responsabilità dal contenuto dello stesso

Commenti